Sicurezza – Bassi (CVD): “Allarme al Magalini: massima cautela, si lascino lavorare le forze dell’ordine”.

Sicurezza – Bassi (CVD): “Allarme al Magalini: massima cautela, si lascino lavorare le forze dell’ordine”.

(Arv) Venezia 26 lug. 2018 –       “Penso che, in queste situazioni, vada usata la massima cautela del caso. Prima di lanciarsi in ipotesi affrettate meglio attendere la conclusione del lavoro degli inquirenti e, sulla base di quelle, fare poi delle riflessioni. Sono sicuro che, nel super tecnologico nuovo ospedale Magalini, ci sarà di certo una telecamera che ha individuato chi ha portato l’oggetto all’interno della struttura ospedaliera. Meglio attendere, quindi, in religioso silenzio”. Sono le parole, affidate a una nota, del Consigliere regionale Andrea Bassi di Centro Destra Veneto – Autonomia e Libertà: “Sono da sempre paladino dell’ospedale Orlandi e contrario alla realizzazione del polo unico a Villafranca che ha portato al declassamento del nosocomio bussolenghese. In ogni caso, chiariamolo subito, qualsiasi sia il motivo e chiunque ne sia il responsabile, è un gesto da condannare, anche perché ha sottratto tempo prezioso  alle forze dell’ordine per cose ben più importanti e gravi”.

“Leggere però – continua il Consigliere – che la causa di questo gesto sarebbe il clima di tensione scaturito dopo le polemiche per lo svuotamento dell’Orlandi a vantaggio del Magalini e per le violente polemiche che ne sono conseguite sulla stampa e sui social, è decisamente di troppo. Innanzitutto perché chi ha condotto questa battaglia lo ha fatto e lo sta facendo alla luce del sole, senza bisogno di questi sciocchi ed inutili gesti. Fatti di questo tipo vanno di sicuro a depotenziare e non a rafforzare l’azione di tutti coloro i quali stanno combattendo con le armi della democrazia e delle leggi per chiedere la revisione, parziale o totale che sia, della decisione assolutamente sbagliata, che sta lasciando a piedi dal punto di vista sanitario un’area importantissima come il Baldo-Garda”.

“Lanciare subito, da parte di esponenti della neo-amministrazione di Villafranca ipotesi simili – conclude Bassi – non contribuisce di certo a rasserenare il clima, anzi probabilmente contribuisce ad incattivirlo ancora di più. Stiamocene quindi tutti un po’ in silenzio che forse è meglio”.

/856

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1