Enti locali – Ruzzante (Liberi e Uguali): “Terre Conselvane: per la fusione mancano i fondamentali. Modello per il futuro sia Castelbaldo-Masi”.

Enti locali – Ruzzante (Liberi e Uguali): “Terre Conselvane: per la fusione mancano i fondamentali. Modello per il futuro sia Castelbaldo-Masi”.

(Arv) Venezia 26 set. 2018 –    “Oggi ho votato contro il progetto di fusione di Terre Conselvane, che mira all’unificazione di Conselve, Cartura e Terrassa Padovana. Non certo perché sono contrario al fatto che si esprima la popolazione; anzi, mi sono sempre espresso a favore dei referendum per le fusioni, ma c’è un limite. In questo caso siamo di fronte a tre consigli comunali che si esprimono a maggioranza, non all’unanimità, con il caso limite di Conselve dove chi esprime voto contrario alla fusione rappresenta il 65% della popolazione”. Così il Consigliere regionale Piero Ruzzante di Liberi e Uguali, che oggi in Prima commissione ha espresso voto contrario sul Progetto di legge n. 386 relativo al giudizio di meritevolezza propedeutico alla celebrazione del referendum per la fusione dei comuni di Conselve, Cartura e Terrassa Padovana.

“C’è inoltre il dato che emerge dal  questionario proposto dallo studio di fattibilità – osserva Ruzzante – questionario al quale ha risposto solo l’1% dei cittadini. Per fare un confronto con un caso positivo, basta prendere ad esempio la fusione Castelbaldo-Masi, nel nuovo comune di Riva D’Adige, dove il questionario ha coinvolto il 35% della popolazione che non solo si è espressa rispondendo al questionario somministrato ma lo ha fatto a maggioranza e a favore della fusione”.

“Non è così che si costruisce seriamente un processo di fusione. Un’altra conferma? Quasi tutti i Comuni arrivano alla fusione come ultimo step nella progressiva collaborazione tra gli uffici: nel caso di Conselve, Cartura e Terrassa, avevano collaborazioni con altri comuni e l’unico processo già avviato è la condivisione della Polizia locale. Veramente troppo poco – conclude Ruzzante – per questo ho votato contro, auspicando che in futuro il modello per le fusioni dei comuni sia Castelbaldo-Masi e non Terre Conselvane”.

/1209

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1