Politica – Finco (L.N.): “Polemiche sull’Autonomia: Buffagni si legga la Costituzione e si ricordi che il M5S votò Sì al Referendum”

Politica – Finco (L.N.): “Polemiche sull’Autonomia: Buffagni si legga la Costituzione e si ricordi che il M5S votò Sì al Referendum”

  “Forse il sottosegretario Stefano Buffagni dovrebbe ricordare che lo scorso 22 ottobre, giorno in cui il Veneto ha votato a favore dell’autonomia, il Movimento 5 Stelle che lui rappresenta ha votato per il sì e che i consiglieri regionali veneti pentastellati hanno anche fatto propaganda per ottenere questo importante risultato, prima di tuonare contro l’impossibilità di realizzare le nostre richieste al riguardo”. È quanto dichiarato dal capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale Veneto, Nicola Finco, tornato sulla polemica sollevata dalle dichiarazioni di Buffagni, parlamentare M5s e sottosegretario agli Affari Regionali che, ieri, ha definito “molto irrealizzabile”  la richiesta del Veneto di ottenere tutte le 23 materie trasferibili nell’ambito della trattativa sull’autonomia con il Governo. “Buffagni, che prima di essere eletto a Roma è stato consigliere regionale in Lombardia, dovrebbe avere ben chiaro il bisogno di autonomia delle nostre terre – ha continuato Finco -. I 5 Stelle si sono sempre dichiarati portavoce dei cittadini, e dovrebbero tenere bene a mente che i cittadini vogliono l’autonomia. A questo punto o usano due pesi e due misure, uno per il livello locale e uno per Roma, oppure i consiglieri e i parlamentari M5s veneti dovrebbero prendere una posizione e ribadire quanto scelto anche da loro undici mesi fa. Anzi, vogliamo a questo punto sapere se condividono le parole del sottosegretario”. Secondo il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Ferro-Fini quanto dichiarato da Stefano Buffagni è privo di fondamento. “Sorge il dubbio che il sottosegretario non capisca nulla di autonomia, quindi lo invitiamo a leggere la Costituzione. Oltretutto – ha concluso – è bene ribadire che la dichiarazione di Buffagni non è condivisa neanche dal suo ministro agli Affari Regionali, Erika Stefani, che non solo ha detto che l’autonomia, con le 23 materie richieste dal governatore Luca Zaia, è vicina, ma ha anche annunciato che una bozza d’intesa sarà presentata in Consiglio dei ministri entro il prossimo 22 ottobre, primo anniversario del referendum”. 

/1113

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1