CINTA MURARIA. LA GIUNTA APPROVA IL PIANO DI ILLUMINAZIONE. PRIMI TEST A PORTA PALIO E BASTIONE SANTO SPIRITO

CINTA MURARIA. LA GIUNTA APPROVA IL PIANO DI ILLUMINAZIONE. PRIMI TEST A PORTA PALIO E BASTIONE SANTO SPIRITO

Illuminare la cinta magistrale cittadina, per renderla più bella, vivibile e più sicura.
Un progetto ambizioso, quello presentato oggi dall’amministrazione, in linea con l’idea di città prevista dalla variante 29 e, in particolare, con la valorizzazione delle mura magistrali e la cintura dei forti.

In realtà, come precisato dall’assessore alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala, la stesura del progetto è stata avviata nel 2011, dopo che il Comune aveva ottenuto un finanziamento di 95 mila euro dal MIBAC per il piano di illuminazione della cinta muraria. Terminato nel 2015, il progetto era stato poi accantonato, lasciando alle mura la sola luce solare.

Da oggi parte invece il nuovo iter. La giunta ha infatti approvato un vero e proprio piano urbanistico, uno strumento cioè che può essere realizzato in più stralci, ma che è fondamentale per le linee guida dei futuri interventi.
Il piano, che sarà valutato dalla Soprintendenza, stabilisce infatti quali tipologie di luci usare, i colori, le forme, le modalità di utilizzo, fornendo direttive e prescrizioni per la progettazione dei singoli contesti.

A testare il piano di illuminazione pubblica saranno per primi Porta Palio e Bastione Santo Spirito, per i quali la progettazione definitiva è già in fase avanzata.

L’obiettivo è quello di rendere le mura riconoscibili e identificabili, ma anche permettere a cittadini e turisti di accedervi in sicurezza.

“Le mura magistrali sono uno dei motivi per cui siamo città patrimonio dell’Unesco – ha detto l’assessore Segala -. Negli ultimi anni sono state un po’ dimenticate, noi invece abbiamo intenzione di recuperare il tempo perso, perché crediamo che il nostro patrimonio storico-monumentale sia una ricchezza da tutelare e valorizzare. Partiamo in via sperimentale a Porta Palio e Bastione Santo Spirito, per chiudere la progettazione complessiva del piano urbanistico attuativo entro l’anno prossimo”.

Insieme all’assessore Segala, hanno partecipato alla conferenza il vicesindaco Luca Zanotto e l’assessore al Patrimonio e Demanio Edi Maria Neri.

(Comune di Verona)

UA-82874526-1