Operazioni antidroga in città: il plauso del sindaco Brugnaro

In merito alle ultime operazioni antidroga che hanno avuto luogo in Città con brillanti risultati, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Al Prefetto di Venezia e a tutte le Forze dell’Ordine che quotidianamente sono impegnate nella difesa della sicurezza della nostra Città e dei suoi cittadini arrivi il mio più sincero riconoscimento per il lavoro che, con impegno e senso del dovere, stanno portando avanti sia nel centro storico che nella terraferma veneziana. In particolare consentitemi un particolare plauso a tutti quegli uomini e donne in divisa che, tra oggi e i giorni scorsi, hanno permesso di assicurare alla giustizia 6 spacciatori che agivano sul nostro territorio.

Grazie quindi ai Carabinieri della Stazione di Venezia – San Marco che, ieri pomeriggio, unitamente ai militari della Compagnia di intervento operativa del 4° Battaglione “Veneto”, hanno arrestato un 29enne ghanese che si aggirava in riva degli Schiavoni con 150 grammi di marijuana nello zaino.

Grazie al Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia Carabinieri di Mestre che ieri sera hanno invece arrestato a Mira un 37enne tunisino pregiudicato per detenzione di 320 grammi di eroina a fini di spaccio.

Grazie agli agenti della Polizia Locale di Venezia che, attraverso pattugliamenti congiunti con i militari dell’Esercito del Reggimento Lagunari “Serenissima”, negli ultimi giorni hanno fermato nella Terraferma veneziana tre spacciatori: il primo, un 30enne nigeriano, in via Ulloa a Marghera con 12 dosi di marijuana, il secondo un 19enne albanese che si allontanava dal Parco Piraghetto con 7 involucri di cocaina, e il terzo, un altro nigeriano, che, tra via Ortigara e via Piave a Mestre, è stato segnalato all’Autorità giudiziaria per spaccio dopo essere stato trovato in possesso di 13 dosi di marijuana.

Un ringraziamento, infine, alla Polizia di Stato, in particolare agli agenti della Squadra Mobile che oggi, in collaborazione con i colleghi di Udine, sono riusciti a rintracciare e arrestare nella sua abitazione a Tavagnacco (Ud) un 28enne nigeriano che era riuscito a sfuggire al blitz del 10 luglio scorso nel quartiere ‘Piave’. E’ l’arrestato numero 36 della maxi operazione che, frutto di mesi di indagini, ha dato nuova vita alla zona della stazione.

A voi non può che andare il nostro plauso. Con la vostra presenza e con il vostro impegno state dimostrando quanto lo Stato e questa Amministrazione siano impegnate nel garantire la sicurezza e il decoro della Città. Venezia, Mestre, Marghera e tutto il nostro territorio non diventeranno mai il punto di riferimento della criminalità e dello spaccio. Con il vostro lavoro lo stiamo dimostrando e di questo ve ne saremo sempre grati”.

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1