Worthy, progetto europeo per la raccolta dei ricordi familiari sulle guerre

Da sinistra: Tosetto, Bellesia

Riscoprire il valore del patrimonio culturale dei conflitti mondiali a partire dalla Grande Guerra attraverso la tecnologia. E’ questo l’obiettivo del progetto Erasmus+ Worthy – World wars toward heritage for youth che vede il Comune di Vicenza nel ruolo di coordinatore insieme ad alcuni istituti scolastici e associazioni della città.

Il ruolo di partner di progetto è dell’Istituto Piovene di Vicenza. Altri partner sono associazione mondo Mlal di Verona, la Polonia con il Comune di Niepolomice, la Croazia con l’associazione Breza di Osijek, la Germania con il liceo Kepler-Gymnasyum di Pforzheim e la Gran Bretagna con l’azienda Grid Ldt che si incontreranno a Vicenza dal 12 al 14 novembre.

La giunta comunale ha approvato oggi la partecipazione al progetto europeo che riceve un contributo di 382.849 euro di cui 77.100 euro saranno destinati direttamente al Comune di Vicenza a copertura delle spese.

“L’adesione al progetto europeo ha ricevuto un importante stanziamento e questo ci fa estremo piacere visto il valore della proposta dedicata allo studio dei conflitti combattuti in Europa a partire dalla Grande Guerra, per non dimenticare il passato attraverso i ricordi e i documenti delle famiglie degli studenti coinvolti, dell’ultimo anno della scuola media e delle scuole superiori” – ha dichiarato il vicesindaco Matteo Tosetto.

La proposta è nata da un’idea di Mauro Bellesia che in Comune ricopre il ruolo di direttore del settore Programmazione, contabilità economica e servizio finanziario.

“L’idea, nata un anno fa dialogando in seno all’assemblea Anci a Roma, è stata tramutata in progetto all’interno di un bando europeo, con l’intenzione di recuperare informazioni sulle microstorie familiari, dal 1915-18 fino ai più recenti conflitti, che altrimenti rischierebbero di andare perdute – ha spiegato Mauro Bellesia che in Comune ricopre il ruolo di dirigente del Dipartimento risorse economiche e finanziarie, patrimonio ed espropri. Diretti interessati sono gli studenti che attraverso una piattaforma informatica, sviluppata da una ditta inglese, condivideranno le informazioni raccolte, conservate in famiglia e che tramandano le vicende di nonni e bisnonni che hanno vissuto in prima persona le guerre che coinvolto l’europa. Sarà particolarmente innovativo e accattivante l’aspetto tecnico-informatico gestito attraverso la realtà aumentata che sarà certamente attraente per i ragazzi. Un gruppo di storici, tra cui ci auguriamo di avere qualche nome di livello nazionale, avrà il compito di coordinare tutte le attività“.

Il progetto Worthy è cofinanziato dal programma dal programma Erasmus + KA 201 Cooperation for innovation and the exchange of good pracrices.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

Worthy, progetto europeo per la raccolta dei ricordi familiari sulle guerre

Da sinistra: Tosetto, Bellesia

Riscoprire il valore del patrimonio culturale dei conflitti mondiali a partire dalla Grande Guerra attraverso la tecnologia. E’ questo l’obiettivo del progetto Erasmus+ Worthy – World wars toward heritage for youth che vede il Comune di Vicenza nel ruolo di coordinatore insieme ad alcuni istituti scolastici e associazioni della città.

Il ruolo di partner di progetto è dell’Istituto Piovene di Vicenza. Altri partner sono associazione mondo Mlal di Verona, la Polonia con il Comune di Niepolomice, la Croazia con l’associazione Breza di Osijek, la Germania con il liceo Kepler-Gymnasyum di Pforzheim e la Gran Bretagna con l’azienda Grid Ldt che si incontreranno a Vicenza dal 12 al 14 novembre.

La giunta comunale ha approvato oggi la partecipazione al progetto europeo che riceve un contributo di 382.849 euro di cui 77.100 euro saranno destinati direttamente al Comune di Vicenza a copertura delle spese.

“L’adesione al progetto europeo ha ricevuto un importante stanziamento e questo ci fa estremo piacere visto il valore della proposta dedicata allo studio dei conflitti combattuti in Europa a partire dalla Grande Guerra, per non dimenticare il passato attraverso i ricordi e i documenti delle famiglie degli studenti coinvolti, dell’ultimo anno della scuola media e delle scuole superiori” – ha dichiarato il vicesindaco Matteo Tosetto.

La proposta è nata da un’idea di Mauro Bellesia che in Comune ricopre il ruolo di direttore del settore Programmazione, contabilità economica e servizio finanziario.

“L’idea, nata un anno fa dialogando in seno all’assemblea Anci a Roma, è stata tramutata in progetto all’interno di un bando europeo, con l’intenzione di recuperare informazioni sulle microstorie familiari, dal 1915-18 fino ai più recenti conflitti, che altrimenti rischierebbero di andare perdute – ha spiegato Mauro Bellesia che in Comune ricopre il ruolo di dirigente del Dipartimento risorse economiche e finanziarie, patrimonio ed espropri. Diretti interessati sono gli studenti che attraverso una piattaforma informatica, sviluppata da una ditta inglese, condivideranno le informazioni raccolte, conservate in famiglia e che tramandano le vicende di nonni e bisnonni che hanno vissuto in prima persona le guerre che coinvolto l’europa. Sarà particolarmente innovativo e accattivante l’aspetto tecnico-informatico gestito attraverso la realtà aumentata che sarà certamente attraente per i ragazzi. Un gruppo di storici, tra cui ci auguriamo di avere qualche nome di livello nazionale, avrà il compito di coordinare tutte le attività“.

Il progetto Worthy è cofinanziato dal programma dal programma Erasmus + KA 201 Cooperation for innovation and the exchange of good pracrices.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

UA-82874526-1