Enti locali – Ciambetti: “Ai nuovi 5 Comuni veneti sanciti dai referendum l’augurio di dare ai cittadini che hanno scommesso sulle aggregazioni migliori servizi e opportunità di sviluppo”

Enti locali – Ciambetti: “Ai nuovi 5 Comuni veneti sanciti dai referendum l’augurio di dare ai cittadini che hanno scommesso sulle aggregazioni migliori servizi e opportunità di sviluppo”

(Arv) Venezia 17 dicembre – “Cinque nuovi comuni contribuiscono a semplificare la mappa degli enti locali del Veneto rafforzando i servizi alla cittadinanza attraverso economie di scala: un risultato importante in questa tornata che ha visto promossi i referendum di fusione in 5 casi su 10”.  Così il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, commenta l’esito della domenica referendaria che ha visto la nascita di 5 nuovi Comuni. “LA volontà degli elettori va rispettata: in alcuni casi, anche a fronte di cospicue agevolazioni e finanziamenti, i cittadini hanno preferito mantenere il vecchio assetto – ha spiegato Ciambettti – e penso che ogni realtà costituisca una storia a sé: il campanilismo nella nostra Regione è fortemente radicato. È piuttosto interessante vedere come il sì alle fusioni sia giunto da realtà per così dire periferiche, spesso zone di montagna, dove l’aggregazione è stata vista come grande opportunità. Ai nuovi Comuni, pertanto, l’augurio di riuscire a dare ai cittadini che hanno scommesso nelle aggregazioni migliori servizi”

/1957

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1