Politica – Ruzzante (Leu), Bartelle (IiC): “Processo PopVi, Regione arriva tardi e non può costituirsi Parte civile: è una vergona” . Interrogazione urgente a Zaia.

Politica – Ruzzante (Leu), Bartelle (IiC): “Processo PopVi, Regione arriva tardi e non può costituirsi Parte civile: è una vergona” . Interrogazione urgente a Zaia.

(Arv) Venezia, 17 dic. 2018 – “Avevano promesso ai risparmiatori delle Popolari che sarebbero stati alla loro parte. Si erano impegnati anche in Consiglio regionale, con una mozione bipartisan approvata all’unanimità. ‘Dimenticandosi’ di presentare la richiesta di costituzione di parte civile nel processo contro la Banca Popolare di Vicenza mostrano il loro vero volto: per la maggioranza che governa la Regione, le responsabilità sono solo di Consob e di Banca d’Italia e mai dei cda delle banche venete”. Così i consiglieri regionali del Gruppo misto  Piero Ruzzante (Liberi E Uguali) e Patrizia Bartelle (Italia In Comune). “È una cosa vergognosa – attacca Ruzzante – ed un errore clamoroso. È grave che la Regione Veneto non si costituisca parte civile nel processo contro gli ex amministratori di BpVi”. A Ruzzante fa eco la Bartelle:  “Dopo ben due commissioni d’inchiesta sulle banche è veramente inspiegabile e ingiustificabile che la costituzione di parte civile sia stata presentata in ritardo – sottolinea Bartelle – altri enti, come il Comune di Vicenza, l’hanno presentata subito all’apertura del dibattimento. Lo stesso avrebbe dovuto fare la Regione, se chi governa avesse voluto onorare gli impegni nei confronti dei risparmiatori e del Consiglio regionale che aveva approvato all’unanimità una mozione con questo indirizzo”. Ruzzante e Bartelle hanno depositato nella mattinata di oggi un interrogazione al Presidente della Giunta regionale “per sapere quali sono le motivazioni che hanno condotto la Regione del Veneto ad arrivare con ritardo alla costituzione di parte civile” nel processo contro la Banca Popolare di Vicenza.

/1941

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1