Politica – Bartelle (IiC): “Nubifragi polesine, governo nega lo stato di emergenza: la Lega tradisce il territorio”

Politica – Bartelle (IiC): “Nubifragi polesine, governo nega lo stato di emergenza: la Lega tradisce il territorio”

(ArV) Venezia, 24 gen. 2019    – “Badia Polesine e Lendinara non riceveranno un euro dallo Stato in seguito ai terribili nubifragi del 21 e 22 luglio 2018: la decisione del governo è gravissima e inspiegabile. Ho presentato un’interrogazione regionale per chiedere a Zaia e alla Lega, che governa da vent’anni in Veneto, quali siano i motivi che hanno impedito il riconoscimento dello stato di emergenza e l’erogazione dei contribuiti che ne consegue” Così la consigliera regionale Patrizia Bartelle (Italia In Comune) che, assieme al consigliere regionale Piero Ruzzante (Liberi E Uguali), ha depositato stamane l’interrogazione a risposta immediata dal titolo “Nubifragi del 21 e 22 luglio, negato lo stato di emergenza a Badia Polesine e Londinara. LA regione faccia chiarezza”. “Ancora una volta la Lega tradisce il territorio del Polesine  dove continua a chiedere voti – aggiunge l’esponente di Italia in Comune – promettendo attenzione da parte del governo regionale e nazionale. Questi sono i risultati: zero contributi per i paesi colpiti dai nubifragi del luglio scorso. Adesso la Lega ci deve spiegare perché”. Conclude poi l’esponente dell’IiC: “L’onorevole Giacometti deputata leghista di Badia Polesine, mentre il suo governo negava lo stato di emergenza cosa faceva? Era distratta”?

/139

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1