Premiate a Verona le scuole vincitrici al Concorso “Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport Veneto”

È stata Federica Pellegrini, campionessa di nuoto “Made in Veneto”, a premiare mercoledì 16 gennaio al cinema teatro Stimate di Verona, i vincitori del concorso “Disegna a fumetti la Carta Etica dello sport Veneto“, il bando rivolto alle scuole di primo e secondo grado della regione. Una cerimonia di premiazione che ha visto la partecipazione di oltre 400 studenti del Veneto, condotta dal divertente duo comico “I Papu”.

Lanciato a giugno 2018 da Regione Veneto, in collaborazione con Miur e Unpli Veneto, il concorso intende sottolineare i valori della Carta Etica dello Sport veneto, il documento frutto della Legge regionale del 2015 riguardante le disposizioni generali in materia di attività motoria e sportiva, basato sui principi di solidarietà, rispetto, inclusione e lealtà.

Un invito che studenti ed insegnanti hanno accolto con entusiasmo e spirito decoubertiniano: 63 le scuole delle 7 province venete che hanno inviato i loro elaborati, per un totale di 140 progetti pervenuti, accuratamente vagliati da una commissione valutatrice di tutto rispetto e così composta: la dottoressa De Gregorio, (direttore della Direzione Beni attività culturali e sport) presidente della Commissione, Monica Magnone (Coordinatore Regionale per l’Educazione Motoria Fisica e Sportiva) rappresentante delegato dal Miur-Usr Veneto, Federico Zaghis (Editore di Becco Giallo Editore), Isacco Saccoman (docente e disegnatore di Fumetti), Ruggero Vilnai presidente del Cip (Comitato Italiano Paralimpico) del Veneto, Guido Di Guida, rappresentante del Coni (Comitato olimpico nazionale italiano) del Veneto, Stefano Cendron, rappresentante Unpli Veneto.

Al termine delle valutazioni, la giuria ha deciso di assegnare il primo premio rispettivamente a: categoria scuole secondarie di primo grado: Ic Bartolomeo Lorenzi di Fumane (Vr) “Per la capacità di trasporre nel fumetto il percorso scolastico realizzato sul tema della carta etica”.

Categoria scuole secondarie di secondo grado, istituti professionali di Stato e organismi di formazione accreditati: scuola professionale Lepido Rocco di Motta di Livenza (Tv) “Per la capacità di coniugare un linguaggio grafico tradizionale e realistico ai contenuti della carta etica, evidenziando il passaggio da un percorso personale ad un messaggio condiviso e comunicato”.

Durante la premiazione l’assessore regionale allo Sport, Cristiano Corazzari, ha voluto sottolineare come “La Carta Etica sia nata per ricordare quali sono i veri valori sportivi: etica, lealtà, rispetto anzitutto. Valori fondanti non solo in ambito sportivo ma in ogni aspetto della vita lavorativa e sociale. Un documento importante, tanto che come Regione Veneto abbiamo inserito una nuova norma che prevede che chi richiede fondi per promuovere le attività sportive deve aver sottoscritto la Carta Etica dello Sport Veneto”.

Augusta Celada, direttore generale Miur-Usr Veneto, ha invece evidenziato come “lo sport è il primo vero momento in cui un ragazzo apprende le regole sociali. Per questo lo sport è da sempre al centro del mondo scolastico, anche con iniziative come quella di oggi.

“L’accoglienza e la partecipazione che i ragazzi hanno riservato a questo concorso – ha proseguito Federica Pellegrini, testimonial dell’evento – è importantissima perché la Carta Etica dello sport ha un valore fondamentale, poiché parla di etica, rispetto delle regole, appartenenza. Valori che da sempre mi guidano e i ragazzi hanno interpretato magnificamente”.

“Come dice un vecchio proverbio, è l’unione che fa la forza – ha concluso Giovanni Follador, presidente Unpli Veneto – un motto che le Pro Loco mettono in atto tutti i giorni attraverso i propri volontari. Un valore che sentiamo nostro e che vogliamo, anzi, dobbiamo trasmettere soprattutto ai più giovani. Per questo abbiamo accolto con grande entusiasmo l’invito della Regione Veneto e del MIUR a collaborare ad un progetto così importante per la crescita della società”.

In tal senso la giuria ha giudicato significativo il fatto che tutti i lavori presentati, oltre a mettere in evidenza l’elevata capacità dei ragazzi di trasporre per immagini i valori dello sport, abbiano sottolineato l’importanza del gioco di squadra, della condivisione e della socialità, nel pieno rispetto degli articoli della Carta Etica dello Sport Veneto.

La Carta Etica dello Sport Veneto, infatti, è un vero e proprio codice di comportamento e di autoregolamentazione, i cui 14 articoli esprimono l’essenza dei valori che vengono universalmente riconosciuti allo sport, come amicizia, rispetto, educazione; lealtà e condivisione.
Un “regolamento” per chiunque viva lo sport, nei ruoli più diversi, ma anche un documento dove tutti si possono riconoscere pur senza essere sportivi, nel rispetto di quei valori fondamentali ed imprescindibili per ogni comunità.

I PREMIATI
Graduatoria Istituti Secondari di 1° Grado
Verona 71 – Ic Bartolomeo Lorenzi di Fumane: per la capacità di trasporre nel fumetto il percorso scolastico realizzato sul tema della carta etica.
Venezia 62 – Istituto Dante Alighieri di Salzano: per l’importante impatto emotivo che l’espressione grafica scelta trasmette, valorizzando anche l’aspetto inclusivo.
Rovigo 113 – Istituto Comprensivo di Stienta: per l’originalità usata nella costruzione dell’universo narrativo al fine di comunicare in modo efficace e contemporaneo i principi della carta etica.

Menzioni speciali
Belluno 10 – Istituto Comprensivo di Agordo: per la sperimentazione grafica che esprime al meglio la creatività degli autori attraverso un uso simbolico dell’immagine.
Vicenza 34 – Scuola Secondaria di I° Grado Paritaria Leone XIII Di Montecchio Maggiore: per la capacità di coinvolgere e di farsi coinvolgere, con entusiasmo e allegria evidenti, in sfide e progetti che da piccole idee possono portare a sognare in grande, una scuola intera impegnata nella Carta Etica dello Sport.

Graduatoria Istituti Secondari Di 2° Grado
Treviso 06 – Scuola Professionale Lepido Rocco di Motta di Licenza: per la capacità di coniugare un linguaggio grafico tradizionale e realistico ai contenuti della carta etica, evidenziando il passaggio da un percorso personale ad un messaggio condiviso e comunicato.
Verona 105 – Isiss Luciano Dal Cero di San Bonifacio: per la capacità di sintetizzare i diversi contenuti della carta etica tra cui quello dell’integrazione, in un linguaggio veloce e lineare.
Vicenza 08 – Ente di Formazione I.Ri.Gem. di Rosà: per l’elevato livello tecnico e artistico delle storie a fumetti che evidenzia una padronanza del linguaggio grafico finalizzato al racconto della carta etica.

Menzioni Speciali
Padova 94 – Sfp Francesco D’assisi di Cadoneghe: per il buon livello artistico e per l’ottima gestione delle tavole grafiche.
Verona 13 – liceo statale Enrico Medi di Villafranca di Verona: per la ricchezza dei contenuti e l’originalità delle scelte e dello stile grafico e che, per il superamento delle tavole grafiche ammissibili per bando, non ha potuto essere incluso tra i primi 3 premiati.


(Unpli Veneto)

UA-82874526-1