Ambiente – Ruzzante (LeU) e Bartelle (IiC): “Amianto nei cantieri della Pedemontana, Regione verifichi rischi per lavoratori e popolazione”

Ambiente – Ruzzante (LeU) e Bartelle (IiC): “Amianto nei cantieri della Pedemontana, Regione verifichi rischi per lavoratori e popolazione”

(Arv) Venezia, 31 gen. 2019 Nella giornata di oggi abbiamo depositato un’Interrogazione per chiedere alla Giunta regionale di verificare la presenza d’amianto presso i cantieri della Pedemontana. Contestualmente, vanno prese tutte le cautele per escludere ogni rischio di contaminazione da amianto, sia per i lavoratori che per la popolazione”.

Le parole sono dei consiglieri regionali Piero Ruzzante (Liberi e Uguali) e Patrizia Bartelle (Italia In Comune), che informano “abbiamo presentato una Interrogazione a risposta immediata relativa al ritrovamento di cumuli di tubazioni in cemento-amianto presso il cantiere della Superstrada Pedemontana Veneta nel tratto tra Altivole e Riese Pio X, in Provincia di Treviso”.

“La prima preoccupazione deve essere sempre quella della sicurezza di chi lavora nei cantieri –  sottolineano i consiglieri regionali – e ricordiamo i due infortuni mortali avvenuti nei cantieri della Pedemontana, già oggetto di un’interrogazione del 25 gennaio, firmata dai sottoscritti “.

“Vogliamo inoltre essere certi che non ci siano pericoli per la salute dei cittadini che vivono nelle zone vicine ai cantieri – aggiungono Ruzzante e Bartelle –  perciò chiediamo alla Giunta di prestare attenzione anche a questo aspetto”.

“Il 2018 è stato un anno di record negativi per il lavoro in Veneto – ricordano i consiglieri regionali –  con un morto ogni 5 giorni nei luoghi di lavoro, per un totale di 69. Secondo l’Inail, il Veneto è la regione dove si è registrato il maggior incremento di incidenti mortali sul lavoro rispetto all’anno precedente”.

“La Regione – concludono Piero Ruzzante e Patrizia Bartelle – deve rispettare gli impegni votati dal Consiglio regionale e il Patto per la sicurezza sottoscritto coi Sindacati, ad oggi ampiamente disatteso”.

/222

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1