Autonomia – Fracasso (PD): “Roma svela il segreto di Fatima sull’autonomia: non c’è accordo con le Regioni. Zaia non ha più scuse, venga in Consiglio a riferire”.

Autonomia – Fracasso (PD): “Roma svela il segreto di Fatima sull’autonomia: non c’è accordo con le Regioni. Zaia non ha più scuse, venga in Consiglio a riferire”.

(Arv) Venezia, 12 feb. 2019 – “Ancora non c’è accordo: finalmente è stato svelato il segreto di Fatima sull’autonomia. Ma a Roma, non a Venezia. La Regione non ha mai dato ‘segni di vita’, da mesi chiediamo a Zaia di riferire in Aula, un obbligo previsto dalla legge approvata a novembre 2017, senza che ci abbia mai degnato di risposta. Adesso però non ha più scuse: venga in Consiglio”. A sollecitare la presenza del governatore è il Capogruppo del Partito Democratico a palazzo Ferro Fini Stefano Fracasso “visto che i tempi per l’intesa sono destinati ad allungarsi – spiega in una nota – probabilmente un altro mese, poiché vari ministeri hanno espresso riserve sugli accordi con Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. È quantomeno singolare chiamare al voto i cittadini, con una martellante campagna referendaria e poi tenere segreto il contenuto dell’autonomia. È invece doveroso discuterne nel merito: la bozza d’intesa deve essere valutata in Consiglio regionale e il dibattito non può non coinvolgere le categorie economiche e sociali del Veneto, a partire dai sindacati della scuola che hanno ribadito le loro preoccupazioni. L’autonomia non è un affare privato di Zaia o della Lega: informi i due milioni di cittadini che sono andati alle urne. E dica loro anche quello che non c’è, è un atto di verità dovuto: racconti del residuo fiscale sbandierato, così come dei 9/10 di tasse che sarebbero rimaste in Veneto: di entrambi, comunque si concluda l’intesa, non c’è più traccia”.

/311

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1