Beast without beauty

Creazione originale di Carlo Massaribeast without beauty
prodotto da C&C Company
con Carlo Massari, Emanuele Rosa e Giuseppina Randi


L’ennesimo sguardo: fermo, freddo, gelido, impietoso sulla società.

Un irriverente, cinico studio sugli archetipi della miseria umana, sull’inespressività, sulla spregevole crudeltà nelle relazioni interpersonali.
Perdenti in un rapporto di superficiale relazione, gli uomini si affrontano in un algido duello; in palio l’affermazione di un ruolo, un’identità, una posizione sociale, la sopravvivenza.
Non esistono regole, tutto è consentito. Le persone si prestano ad essere prede, vittime designate dell’altro, ne sono coscienti, attendono solo che succeda.
Un aristocratico gioco perverso di corteggiamenti a doppio fine, di soprusi; una violenza nascosta, taciuta, color pastello, che porta irrimediabilmente al massacro, all’estinzione. Nessun vincitore ma solo vinti.
Un tentativo di raccontare fisicamente il male di vivere. Un uomo illanguidito, disperato fino a diventare insensibile, ormai incapace di prendere in mano la sua vita e sottrarla alla miseria nella quale si è impaludata. Un autentico tuffo nel non-sense, un’ironia nera contrappunto al pallore emaciato dei volti, una fascinazione nell’assurdità delle scene, nell’estraniamento dalla partecipazione umana alle azioni, ai fatti.
 


torna al programma completo della rassegna


(Comune di Verona)

UA-82874526-1