Maltempo in Veneto – Finco (LN): “Bocciata mozione PD: inutile stanziare altri fondi senza sapere prima quanti soldi arriveranno dall’Ue. Se il PD vuole essere il ‘partito delle tasse’ si presenti così alle elezioni del 2020”.

Maltempo in Veneto – Finco (LN): “Bocciata mozione PD: inutile stanziare altri fondi senza sapere prima quanti soldi arriveranno dall’Ue. Se il PD vuole essere il ‘partito delle tasse’ si presenti così alle elezioni del 2020”.

(Arv) Venezia, 14 feb. 2019   –  “Non possiamo permettere che i consiglieri di opposizione diano lezioni a chi, a soli pochi giorni dalla devastazione, aveva già liberato strade sepolte da tonnellate di fango e tronchi di albero, mostrando una capacità di organizzazione e reazione che hanno suscitato i complimenti tanto dalle altre regioni quanto dal governo. Il PD quindi non salga sul pulpito e non accusi il presidente Zaia e la Lega di tradire il Veneto. Se non abbiamo approvato la mozione della minoranza non è perché non volessimo aiutare la nostra terra, ma perché siamo convinti che ci siano modi migliori per farlo, come la Giunta regionale ha già dimostrato”. È questa la risposta del Presidente del gruppo consiliare della Lega Nord Nicola Finco alla nota diffusa dai Consiglieri del Partito Democratico al termine della seduta straordinaria del Consiglio regionale tenutasi stamattina. “Come già detto molte volte nelle scorse settimane e come ripetuto anche oggi dal Presidente della Regione Zaia in Aula a palazzo Ferro-Fini, siamo ancora in attesa di capire quanti soldi l’Unione Europea deciderà di stanziare a favore delle popolazioni venete colpite dall’uragano di fine ottobre. La Regione del Veneto ha già fatto molto e sta continuando a fare, grazie al lavoro e all’impegno di una squadra di tecnici che, senza aspettare decreti e lungaggini burocratiche, da mesi lavora per riportare alla normalità territori devastati con ottimi risultati. Ma senza sapere quali somme arriveranno da Bruxelles, non possiamo decidere di stanziare un fondo. Oltretutto è in corso un’importante trattativa con il governo per l’autonomia che potrebbe portare nuovi strumenti e nuove risorse alla nostra Regione. Altro che tradimento: se abbiamo deciso di votare contro la mozione dei consiglieri di minoranza è stato proprio perché il governatore Zaia sta lavorando per il Veneto. Se poi il Pd crede che sia meglio gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini, allora porti avanti questa immagine di “partito delle tasse” fino in fondo e si presenti alle prossime elezioni regionali del 2020 proponendosi con questo ruolo. Vedremo allora – conclude Finco – chi sarà premiato dai veneti”.

/353

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1