Spacciatore 19enne inseguito e arrestato dalla Polizia locale a Marghera

Ennesimo arresto al termine di un’attività antidroga da parte della Polizia locale di Venezia: in manette uno spacciatore di nazionalità tunisina di 19 anni irregolare sul territorio nazionale, bloccato da una pattuglia del Corpo a Marghera sabato scorso. L’operazione del Nucleo operativo del Servizio di sicurezza urbana è scattata durante alcuni sopralluoghi nelle vicinanze di locali pubblici frequentati, più o meno assiduamente, da persone dedite allo spaccio.

Il controllo

Verso le 16.50 gli agenti dell’unità cinofila, procedendo in auto a bassa velocità, hanno concentrato l’attenzione su 3 individui seduti nel plateatico di un locale di via Trieste. In particolare 2 di questi, tra cui il 19enne Y.A., si sono scambiati una possibile dose di droga. A quel punto i protagonisti della vicenda si sono accorti della presenza della pattuglia e si sono allontanati di corsa in direzioni opposte.

L’inseguimento e l’arresto

Gli operatori si sono subito lanciati all’inseguimento di uno dei 3 fuggitivi, riuscendo a raggiungerlo: il 19enne con sé aveva 10 involucri di cellophane termosaldati con all’interno cocaina. Lo spacciatore è stato quindi dichiarato in arresto e, dopo avere trascorso sabato e domenica nella camera di sicurezza del Comando della Polizia locale, è comparso lunedì davanti al giudice per la convalida dell’arresto e per il procedimento per direttissima. Al termine dell’udienza è stato condannato a 1 anno di reclusione e 800 euro di multa.

Venezia, 18 febbraio 2019

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1