Vez America: ultimo appuntamento della rassegna martedì 26 febbraio alla VEZ con Pia Masiero e Luca Briasco che dialogheranno con il pubblico sul tema “L’altra America, storie e scritture dell’invisibilità”

Si chiude il Festival VEZ America dopo ventotto occasioni d’incontro per adulti e piccini, dislocate in tutto il territorio comunale, con grande successo di pubblico. Gli States sono stati narrati attraverso la geopolitica, il cinema, la fotografia, i fumetti e i supereroi, il cibo, la danza, la musica e la psicoanalisi.

Per chiudere questo lungo percorso, di sguardi e approfondimenti, ecco un appuntamento d’eccellenza con due grandi esperti di letteratura americana. Pia Masiero, docente a Ca’ Foscari di letteratura nord-americana, incontrerà Luca Briasco saggista, americanista ed editor per la casa editrice minimum fax di Roma.

L’appuntamento è alla Biblioteca VEZ, martedì 26 febbraio 2019, alle 18, con  “L’altra America. Storie e scritture dell’invisibilità con Luca Briasco e Pia Masiero”. Incontro ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, saletta seminariale con entrata da via Querini 33, Mestre.

Sarà un’occasione per far scorta di libri sulle grandi distese, deserti e boschi, paesi polverosi, incredibili personaggi che dai loro angoli sperduti raccontano la vita. Una parte significativa e spesso nascosta della letteratura americana contemporanea è lontana da quella tendenza hip, metropolitana e ipermoderna, che è a lungo prevalsa sulla scena degli Stati Uniti ed è stata esportata in tutto il mondo. Prevale, in scrittori che abbracciano con fierezza la propria marginalità dai grandi centri del consenso, la volontà di esplorare quei territori americani dimenticati e invisibili che pure hanno contribuito a ridefinire la geografia politica e culturale del paese negli ultimi anni.

Tra i grandi autori che raccontano questa altra faccia dell’America ci si soffermerà in particolare su Kent Haruf, Chris Offutt, Tom Drury, Dorothy Allison e Daniel Woodrell, originari del Sud e del Midwest. A loro si aggiungono William T. Vollman e Annie Proulx, che hanno scelto di abbandonare i loro luoghi d’origine per stabilirsi in luoghi aspri e selvaggi (Proulx) o per esplorarli (Vollmann), facendone l’oggetto dei loro libri.

La conversazione sarà concepita come un viaggio nell’America più profonda e inedita, cui si accompagnerà il tentativo di definire una mappa delle case editrici italiane che, come minimum fax, hanno sposato con maggior decisione questa linea di ricerca.

www.culturavenezia.it/biblioteche

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1