Contenziosi tra contribuenti e Comune: la Giunta, su proposta dell’assessore Zuin, recepisce le direttive nazionali per la “Definizione agevolata delle controversie tributarie”

La Giunta Comunale, nella seduta di ieri, ha licenziato la proposta di deliberazione da inoltrare al Consiglio che recepisce, anche per il Comune di Venezia, le disposizioni contenute nel D.L. 119 del 23.10.2018 “Definizione agevolata delle controversie tributarie”. La definizione potrà riguardare il contenzioso il cui ricorso è stato notificato entro il 24.10.2018 e riguarderà le controversie tributarie non passate in giudicato. Se approvato entro marzo, i contribuenti potranno aderire presentanto apposita istanza entro fine maggio.

“Si tratta di un atto, dichiara l’assessore Zuin, che potrà consentire ai contribuenti di definire alcune situazioni pendenti e al Comune di ridurre il contenzioso attraverso il versamento di un importo a titolo di sola imposta che varia in relazione allo stato del giudizio. Per quelli infatti per i quali non si è ancora pronuciata la Commissione Tributaria di primo grado, il contenzioso può essere definito versando il 90% della sola imposta accertata, mentre in caso di vittoria del contribuente in primo grado, la definizione può essere conclusa versando il 40% della sola imposta; se invece è il Comune ad aver vinto in primo grado, la definzione si chiude con il versamento del 100% della sola imposta. Diverse percentuali in caso il giudizio sia pendente nelle fasi successive”.

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1