Marzo 2019 – Alluvione in Mozambico: la testimonianza di don Maurizio


 Pesanti le conseguenze di un ciclone che ha colpito in questi ultimi giorni Mozambico, Zimbabwe e Malawi. Il ciclone, classificato di categoria 4, ha provocato almeno 150 vittime e centinaia di dispersi. Ci sarebbero decine di migliaia di persone isolate a causa delle strade interrotte e dei ponti crollati. Questo, nelle aree rurali più povere ed isolare. Le piogge torrenziali portate dal ciclone hanno causato danni molto pesanti, con alluvioni, frane, case scoperchiate, linee dell’elettricità e del telefono fuori servizio.

 

 l ciclone Idai, così è stato battezzato, ha avuto un forte impatto in un’area dove vivono un milione e mezzo di persone. La località più colpita stando alle ultime informazioni è Beira, città portuale del Mozambico: qui è stato chiuso l’aeroporto, non c’è elettricità e molte case sono state distrutte. I venti fortissimi hanno scoperchiato i tetti di molte abitazioni, ci sono state frane, alluvioni. La maggior parte delle vittime si concentra, secondo i dati arrivati fino ad ora, nella località di Chimanimani. Almeno 50 giovani sarebbero rimasti intrappolati nel salone della mensa della loro scuola a causa di una frana, prima di esser messi in salvo. Nel distretto di Chimanimani ci sarebbero oltre cento dispersi. 

A Beira sono presenti due sacerdoti diocesani vicentini (don Maurizio Bolzon e  don Davide Vivian), insieme ad alcune suore Orsoline del sacro Cuore di Maria e ad altri missionari della Pia Società San Gaetano e dei Saveriani 

 

Per chi volesse devolvere un aiuto alle popolazioni colpite dall’alluvione in Mozambico si può fare a queste coordinate bancarie:

Attenzione  sono cambiate le coordinate bancarie

c/c intestato a: Diocesi di Vicenza
c/o Banco BPM – Vicenza
IBAN: IT77 M 05034 11806 000000003528
Causale: Progetto ricostruzione ciclone Mozambico

(Diocesi di Vicenza)

UA-82874526-1