Polizia locale: ancora interventi di sgombero nell’ambito dei programmi “Oculus” e “Oculus Plus”

    Nuova operazione, da parte del personale del Servizio Sicurezza Urbana della Polizia Locale di Venezia, nell’ambito dei programmi “Oculus” e “Oculus Plus”. Gli agenti sono entrati questa volta in azione, ieri mattina, per effettuare lo sgombero di un area in via Banchina dell’Azoto, a Marghera, occupata abusivamente da cittadini rumeni senza fissa dimora, e spesso anche dediti ad esercitare abusivamente l’attività di portabagagli nelle stazioni ferroviarie di Mestre e Venezia.

    Lo sgombero dell’area, di proprietà demaniale, si é reso necessario, previa denuncia/querela sporta dall’Autorità portuale, per garantire la sicurezza dei raccordi ferroviari adiacenti: l’Autorità stessa ha messo a disposizione uomini e mezzi per l’abbattimento di sette baracche e di due tende malsane e macilente, oltre  che per l’asporto di tutto il materiale da bivacco.

    All’interno di una baracca è stato sorpreso un cittadino rumeno, di cui si è provveduto all’identificazione e al contestuale  deferimento all’autorità giudiziaria. L’area è stata ora messa in sicurezza grazie all’installazione di una rete lungo tutta la sua perimetrazione.

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1