Comunicato stampa: Aps Holding. Approvati atti di gara per la progettazione del Sir 3 e presentato il bando per nuovi parcometri

Nella seduta odierna il Consiglio di Amministrazione di Aps Holding spa ha approvato gli atti della gara per l’individuazione del soggetto che sarà incaricato dei servizi relativi alla progettazione definitiva e al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione relativamente alla nuova linea tramviaria “Sir 3”.
La procedura di gara sarà pubblicata nei prossimi giorni, previo espletamento degli adempimenti tecnici. Il servizio, complessivamente stimato in un importo intorno a un milione e 200 mila euro, privilegerà in modo netto l’aspetto tecnico-qualitativo con particolare apprezzamento delle soluzioni progettuali volte a donare alla collettività un progetto altamente qualificato dal punto di vista tecnologico, energetico e d’inserimento urbano e, nel contempo, le migliori condizioni di sicurezza nell’esecuzione dei lavori ed il minor disagio connesso alla presenza del cantiere.L’obbiettivo è terminare la procedura di gara in tempo utile per disporre l’aggiudicazione del servizio entro il mese di luglio. L’aggiudicatario dovrà poi completare le prestazioni oggetto di questa specifica procedura nei tre mesi successivi alla sottoscrizione del contratto di appalto. Di massima rilevanza è stata la sinergia tra gli uffici di Aps, i consulenti ed il Settore Lavori Pubblici del Comune di Padova nella fase di predisposizione degli atti di gara in un contesto normativo sempre più articolato, anche per effetto della recentissima entrata in vigore del c.d. Decreto sblocca cantieri (D.L. 18 aprile 2019, n. 32), mentre si segnala la piena e rinnovata disponibilità del Consiglio di Amministrazione di Aps Holding spa (soggetto attuatore di tutte le fasi di progettazione e realizzazione del “Sir3”) a intensificare i lavori al fine di garantire tempestivamente tutte le azioni necessarie ed il costante monitoraggio di tutte le fasi della realizzazione della nuova linea tramviaria.

Continua intanto la rivoluzione dei parcheggi a Padova. Sempre nel corso del Consiglio di Amministrazione di Aps Holding è stata presentata anche la gara per i nuovi parcometri che sostituiranno l’attuale dotazione, ormai obsoleta e inadeguata per il progetto di gestione unitaria della sosta a Padova.
Il bando prevede l’acquisto di 140 parcometri (e relativo servizio di manutenzione in global service per cinque anni per un valore complessivo di un milione e 420 mila euro) di ultima generazione con i quali saranno possibili tutte le modalità di pagamento, dalle monete alle tessere a scalare, alle carte di debito e credito, oltre alle consuete forme di pagamento digitale tramite sms e app telefoniche. Ma è il “cuore” informatico la vera novità: ai partecipanti alla gara è richiesto di fornire un prodotto connesso in rete (memorizzando lo stallo sarà possibile integrare i pagamenti da qualsiasi parcometro nelle vicinanze dell’utente), capace di dialogare con la stazione di controllo di Aps la quale potrà gestire da remoto tutta una serie di dati che vanno dall’impostazione delle tariffe, alla reportistica su percentuale di occupazione, al numero di transazioni, alla contabilizzazione e alla diagnostica. In prospettiva futura, il sistema dovrà essere in grado di determinare tariffe variabili e flessibili a seconda dell’occupazione, dei flussi di traffico e comunque secondo parametri stabiliti dalla committenza.
La sostituzione dei parcometri è il secondo passo importante dopo l’installazione dei nuovi sistemi di parcheggio in struttura con barriere e lettura targhe. L’ultimo intervento sarà costituito dai sensori di presenza che forniranno dati utili a verificare, tra le altre funzioni quali ad esempio il monitoraggio del tasso di evasione del pagamento della sosta, lo stato di occupazione delle varie zone della città: i dati raccolti da sensori e parcheggi in struttura costituiranno la dorsale di informazioni che verranno trasmesse attraverso i pannelli a messaggio variabile, la cui installazione è prevista anch’essa entro l’estate di quest’anno. Il tutto fornirà una mole importante di dati, utili non solo per il controllo del sistema di sosta cittadina, ma anche per la formulazione di piani in grado di ottimizzare mobilità e traffico.

Sempre nel corso dello stesso CdA è stato perfezionato il testo con cui verrà pubblicata la manifestazione di interesse per l’installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Per questo lotto sono previste circa 40 colonnine bifacciali, con prese di ricarica fast (da 22kW) abbinate a prese per quadricicli leggeri, scooter elettrici o biciclette a pedalata assistita.
(Comune di Padova)

UA-82874526-1