Ambiente – Finco (LN): “Tutelare la laguna di Venezia e le professionalità del Mose Regione si attivi per salvaguardare centinaia di lavoratori”

Ambiente – Finco (LN): “Tutelare la laguna di Venezia e le professionalità del Mose Regione si attivi per salvaguardare centinaia di lavoratori”

(Arv) Venezia, 4 lug. 2019 –     “La nomina del Commissario straordinario che dovrà portare a termine la realizzazione del Mose è attesa a giorni. Una decisione che molti, a Venezia e nel Veneto intero, aspettano con ansia. In ballo non c’è solo il completamento di un’infrastruttura così complessa e importante, ma anche il destino di centinaia di lavoratori di società quali Consorzio Venezia Nuova, Thetis e Comar che fino ad ora hanno lavorato alla progettazione e alla costruzione della nuova struttura. Al momento, infatti, non c’è alcuna sicurezza che questi operai e tecnici riceveranno nuovamente l’incarico dal Commissario straordinario. Ecco perché ho chiesto alla Giunta regionale del Veneto di impegnarsi per difendere maestranze e competenze così preziose». Così il capogruppo in Consiglio regionale della Lega, Nicola Finco, motiva la mozione da lui presentata dal titolo «Sistema Mo.S.E.: non si può disperdere il prezioso patrimonio di esperienze e capacità dei lavoratori mettendo a rischio la salvaguardia e tutela dell’ecosistema della laguna di Venezia». «Il Decreto sblocca Cantieri, diventato legge il 14 giugno scorso – continua Finco – ha previsto la nomina della figura del Commissario straordinario, ma non c’è alcun riferimento al destino dei lavoratori. Ad ora non si sa se saranno confermati dal nuovo Commissario. Parliamo di persone che si occupano di monitoraggi e indagini ambientali, di elaborazione di perizie, dell’aggiornamento e dell’adeguamento degli impianti delle bocche di porto, del recupero di edifici storici e che, più in generale, progettano gli interventi di salvaguardia dell’Insula di Piazza San Marco. Competenze che non possiamo permetterci di disperdere. Per questo motivo ho chiesto alla Giunta regionale di attivarsi perché, nell’atto di intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la nomina del Commissario, siano previste forme di tutela dei lavoratori e, quindi, dell’intera laguna di Venezia”.

/954

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1