Caccia – Berlato (FDI-MCR): “Porremo subito alla Giunta la questione del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale”

Caccia – Berlato (FDI-MCR): “Porremo subito alla Giunta la questione del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale”

(Arv) Venezia 30 lug. 2019 –      “Porremo subito alla Giunta alcune questioni ancora irrisolte, a partire dalla necessità di presentare al Consiglio regionale del Veneto la proposta del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale, nonché la richiesta di corretta applicazione della legge sulla mobilità per la caccia, la selvaggina migratoria in tutti gli ATC del Veneto, l’applicazione del regime di deroga nel rispetto dell’art. 9 della Direttiva 2009/147/CE e dell’art. 19 bis della Legge Statale n. 157/92. Inoltre, chiederemo un maggiore impegno per il contenimento degli animali nocivi, la cui eccessiva presenza sta arrecando gravi danni alle culture agricole, all’ambiente ed al territorio.”

Queste le affermazioni del consigliere regionale Sergio Berlato (Fratelli d’Italia-MCR) dopo “la mia elezione a Presidente regionale dell’Associazione Cacciatori Veneti – CONFAVI, così come stabilito dall’Assemblea regionale dell’Associazione”.

“E’ per me un onore tornare a capo dell’Associazione che ho contribuito a far nascere e che è diventata la seconda associazione venatoria per numero di iscritti a livello regionale – sottolinea il Presidente della Terza Commissione consiliare permanente –  ma che diventerà ben presto la prima, sia per numero di iscritti, che per capacità propositiva in difesa di tutte le forme di caccia, iniziando dalle nostre caccie tradizionali. Ringrazio Maria Cristina Caretta per aver accettato di ricoprire l’incarico di Presidente regionale negli ultimi anni, mentre ero impegnato a ricoprire impegnativi ruoli, sia di natura politica che istituzionale”.

“Assumo questo ruolo – conclude Sergio Berlato – con la consapevolezza dell’impegno che questa Presidenza comporta, e rassicuro tutti gli iscritti dell’Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI, e tutti gli altri cacciatori del Veneto, che porremo all’Esecutivo regionale tutte le problematiche evidenziate”.

/1155

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1