COLDIRETTI VENETO FIRMA IN REGIONE IL PROTOCOLLO DELLA LEGALITA’

COLDIRETTI VENETO FIRMA IN REGIONE IL PROTOCOLLO DELLA LEGALITA’.
SALVAGNO: “DA CINQUE ANNI L’OSSERVATORIO ANTI CRIMINALITA’ LAVORA PER LA TUTELA DEL MADE IN ITALY”
30 luglio 2019 – ‘Coldiretti non poteva mancare alla firma del protocollo della legalità tra Regione Veneto e parti sociali’ –  ha detto il presidente Daniele Salvagno oggi presente a Venezia all’evento organizzato a Palazzo Balbi. Ricordando la qualità e lo stile di vita ispirato al ‘Made in Italy’ ha evidenziato la costituzione dell’Osservatorio contro la criminalità nell’agroalimentare presieduto dall’ex Procuratore Giancarlo Caselli avvenuta nel 2014. ‘Studi, dossier, ricerche e indagini svolte dal Comitato Scientifico della Fondazione rivelano che il Veneto non è immune al malaffare – ha sottolineato Salvagno – in particolare per quanto riguarda il settore primario dove il patrimonio enogastronomico, con tipicità blasonate conosciute ai vertici mondiali,  è copiato e scimmiottato in Europa come a livello internazionale. Il rischio è che per le Olimpiadi invernali, tra fake news e infiltrazioni,  turisti ed atleti chiedano nelle tavole dei ristoranti locali il ‘Parmesan’ al posto del Parmigiano Reggiano o ‘Kresecco’ come spumante italiano.  L’industria dei tarocchi – ha concluso –  è più furba della buona reputazione delle nostre aziende agricole. Gli agricoltori meritano la stessa disciplina e il rispetto che mettono ogni giorno nel loro lavoro’.

(Coldiretti Veneto)

UA-82874526-1