Infrastrutture – Bartelle (IIC): “Piano Regionale Trasporti. L’Assessore De Berti potrebbe approfondire la geografia”

Infrastrutture – Bartelle (IIC): “Piano Regionale Trasporti. L’Assessore De Berti potrebbe approfondire la geografia”

(Arv) Venezia 24 lug. 2019 –    “Per fortuna, l’Assessore Regionale De Berti ha la delega ai Trasporti ma non quella al Territorio, dato che nella fretta di rispondere alle mie critiche puntuali e documentate sul nuovo Piano regionale Trasporti è riuscita a far passare la Transpolesana per Nogara (si vede che non l’ha mai percorsa) e ha collocato la cittadina veronese addirittura in Provincia di Rovigo”.

Le parole sono della consigliera regionale Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che risponde così “all’attacco che mi è stato rivolto dall’Assessore Regionale ai Trasporti, Elisa De Berti, in seguito alle critiche che ho sollevato contro il nuovo Piano Regionale dei Trasporti, che non tiene in considerazione il Polesine”.

“Per miracolo – aggiunge Bartelle – sembra che l’autostrada ‘Medio Padana Veneta Nogara – Mare Adriatico’, che attraversa le Province di Verona, Padova e Venezia, si trasformerà in Transpolesana. Troppa grazia, caro Assessore De Berti”.

“Quanto all’Idrovia Fissero – Tartaro – Canalbianco – puntualizza la consigliera regionale – può anche darsi che un giorno si colleghi con la Litoranea Veneta, ma, al momento, vale il dato degli attracchi di navi nel 2018 all’Interporto di Rovigo, che di quella Idrovia è il perno: lo stratosferico numero di 11, ripeto, 11, per l’ovvia ragione che la classe quarta, per una Idrovia seria, è inutile”.

“Come ben spiegano i tecnici, servirebbe almeno la classe quinta – conclude Patrizia Bartelle – Ovvero, navi più grandi e quindi conche e bacini più adeguati. Ma per passare in classe quinta, bisogna superare l’esame di Geografia”.

/1118

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1