Politica Sinigaglia (PD): “Alloggi popolari e caso Sesa, Giunta in fuga. Perché gli assessori non si presentano in Commissione?”

Politica Sinigaglia (PD): “Alloggi popolari e caso Sesa, Giunta in fuga. Perché gli assessori non si presentano in Commissione?”

(Arv) Venezia 25 lug. 2019 –      “Quella di Zaia è una Giunta in fuga: gli assessori, nonostante richieste depositate da tempo, continuano a non presentarsi nelle Commissioni. Hanno già anticipato la pausa estiva”?  A domandarlo è Claudio Sinigaglia, consigliere regionale del Partito Democratico, che chiama in causa in particolare gli assessori al Servizi sociali e all’Ambiente. “Il fallimento della legge Erp e il caso Sesa, con il preoccupante giro d’affari attorno al compostaggio industriale, stanno mettendo in subbuglio tutto il Veneto e servirebbero risposte certe. Lo scarso rispetto per i consiglieri e le loro prerogative si conferma uno dei tratti distintivi di questa Giunta – nota Sinigaglia –  A fine giugno, prima che scoppiasse effettivamente il caos per le case popolari, avevamo invitato l’assessore Lanzarin in II Commissione denunciando come migliaia di famiglie si sarebbero trovate in difficoltà, tra affitti insostenibili e avvisi di sfratto. Avevamo chiesto un’audizione con una relazione dettagliata, Ater per Ater, è passato quasi un mese e tutto tace. Discorso analogo per quanto riguarda il collega di Giunta Bottacin. Il caso Sesa è una potenziale ‘bomba ambientale’ su cui la Regione ha messo il silenziatore. L’inchiesta della testata online Fanpage, andata in onda ormai a inizio giugno, non può non destare preoccupazione visto che stiamo parlando di uno dei bacini più importanti per il riciclaggio dei rifiuti e la formazione del compost. Non sappiamo se sia stata verificata la provenienza e la tipologia di questi rifiuti, se siano tracciati. Lo stesso vale per il compost e  non c’è alcuna certezza neanche su eventuali contaminazioni nei terreni agricoli. Le interrogazioni della minoranza – conclude il consigliere del Pd – sono rimaste finora senza risposta, così a inizio luglio abbiamo chiesto formalmente al presidente Calzavara l’audizione urgente dell’assessore all’Ambiente Bottacin e del commissario straordinario di Arpav Guolo, per capire se è possibile fare chiarezza e rassicurare un intero territorio. Entrambi però latitano: dovremo aspettare settembre, quando è un po’ più fresco, perché ci onorino della loro presenza?”. 

/1127

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1