Ultime

Sanità – Sinigaglia (PD): “Dalla Giunta modifiche sostanziali alle Schede Ospedaliere licenziate dalla Commissione. Recuperate, in silenzio, le nostre proposte per intestarsi il merito politico”

Sanità – Sinigaglia (PD): “Dalla Giunta modifiche sostanziali alle Schede Ospedaliere licenziate dalla Commissione. Recuperate, in silenzio, le nostre proposte per intestarsi il merito politico”

(Arv) Venezia 4 lug. 2019 –     “Troppe difformità tra le Schede Ospedaliere approvate dalla Giunta rispetto a quelle licenziate dalla Commissione Sanità: le richieste dell’Opposizione vengono sistematicamente bocciate, salvo poi essere recuperate da Zaia e dai suoi Assessori che se ne intestano il merito politico. Si tratta di un modo di operare scorretto e svilente”.

Lo afferma il consigliere regionale del Partito Democratico, Claudio Sinigaglia, che spiega quanto asserito “numeri alla mano, a partire dal ‘caso padovano’. La Commissione aveva approvato nella Scheda del Sant’Antonio 32 posti letto in Psichiatria con la dicitura ‘a gestione Ulss 6’, a cui si dovevano sommare altri 15 dell’Azienda Ospedaliera. La Giunta invece ne ha licenziati 20, senza alcun riferimento alla Ulss Euganea, e così il totale è sceso da 47 a 35, senza alcuna motivazione”. 

“Ma gli esempi – aggiunge l’esponente Dem – sono molteplici: dalla Commissione Sanità era arrivata la bocciatura alla Chirurgia toracica-oncologica di Castelfranco, che avevamo chiesto fosse in Dipartimento con l’Azienda Ospedaliera di Padova, la Giunta ha però detto sì. E il cambio di direzione vale per l’Apicalità di Anestesia a Dolo, quella di Otorinolaringoiatria al Santorso e la denominazione di Spoke per gli ospedali di Piove di Sacco e Adria”.

“Alcune modifiche non possono che farci piacere – conclude Claudio Sinigaglia –  ma finora il parere della Commissione Sanità era sempre stato rispettato al 100%; con questo modo di operare, invece, le viene tolta ogni autorevolezza”.

/959

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1