Ultimo giorno di Terrestri d’estate

Si conclude “TERRESTRI D’ESTATE”, il festival di teatro urbano de La Piccionaia, realizzato con il sostegno di AIM Gruppo e Fondazione Cariverona e con il contributo del Ministero per i Beni e le attività culturali, che si è svolto dal 17 al 28 luglio nel Giardino del Teatro Astra e in altri luoghi della città, all’interno del cartellone del Comune di Vicenza “L’estate a Vicenza”.

Domenica 28 luglio l’appuntamento è con il Silent Play de La Piccionaia alla scoperta della città da una prospettiva inedita: quella del corso del fiume Retrone. Dal quartiere dei Ferrovieri fino al centro storico di Vicenza, passando per la sua antica porta d’acqua: scritto e condotto da Carlo Presotto, “LA PORTA D’ACQUA” è itinerario fluviale in canoa che restituisce il punto di vista sulla città da quella che per centinaia di anni è stata una delle principali vie di accesso per merci e viaggiatori. Un progetto nato in collaborazione con l’Associazione RiverLand che promuove la tutela, la rigenerazione e la valorizzazione delle vie d’acqua, in particolare quelle urbane, e realizzato con la collaborazione di Biosphaera che cura la logistica, l’attrezzatura e la guida fluviale professionale. Il ritrovo per i partecipanti è alle ore 18 al Teatro Astra (la prenotazione è obbligatoria). Da qui, una navetta li condurrà all’imbarcadero di Parco Retrone, dove troveranno ad attenderli canoe e pagaie con cui sarà facile prendere confidenza, oltre alle cuffie wireless da indossare per ascoltare la drammaturgia, e lasciarsi così trasportare dolcemente dalla corrente accompagnati dalla voce dal vivo di Carlo Presotto e da racconti sul paesaggio circostante e sul rapporto, delicato e spesso conflittuale, tra l’uomo e il fiume. Avvicinandosi da sud alla città si costeggerà la stazione ferroviaria fino ad arrivare all’ansia di Santa Libera, dove si spalanca il panorama mozzafiato sulla città palladiana. Scivolando tra i palazzi rinascimentali si entrerà da Ponte Furo, una delle porte d’acqua medievali di Vicenza: da qui in poi, gli occhi si riempiranno di scoperte, incontrando i resti del porto romano, le numerose arcate – ora interrate – che fungevano da ricovero per le barche, il ponte veneziano di San Michele e quello medievale delle Barche, fino al rientro all’altezza del Teatro Astra. “E lo sguardo sulla città non sarà più lo stesso”, assicura Carlo Presotto.

 

Terrestri d’Estate 2019” è un festival di teatro urbano per dieci giorni di spettacolo e un programma in 7 sezioni – teatro, musica, famiglie, silent play, installazioni, residenze, mostre – dedicato alla diffusione dell’arte in tutte le sue forme. E ancora workshop, itinerari e incontri, il tutto accompagnato dal bar estivo di Nuovo Bar Astra.

Un progetto realizzato in collaborazione con una fitta rete di soggetti territoriali attivi nella promozione culturale e artistica, nell’inclusione sociale, nella tutela e nella valorizzazione ambientale, nella formazione, nell’educazione e nello sviluppo dell’economia circolare: Illustri, De Bernardini, Porto Burci, Pane Quotidiano, Non Dalla Guerra, Legambiente Vicenza, Arci Servizio Civile Vicenza, Il Mosaico, Progetto Giovani Vicenza, Festival Musica delle Tradizioni, Festival Gli Stati della Mente, I.I.S. Boscardin, Tangram Sociale, Cooperativa Insieme, RiverLand Asd, Biosphaera, Musica Intus, Nuovo Bar Astra, Associazione Paolina Paulon, ArteMigrante.

Il programma dettagliato è scaricabile dal sito www.teatroastra.it

Informazioni, prenotazioni e prevendite: Ufficio Teatro Astra, Contrà Barche 55 – Vicenza; telefono 0444 323725, info@teatroastra.it, www.teatroastra.it

Biglietti: intero 25 euro, ridotto under14 20 euro. Prenotazione obbligatoria.

 

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

UA-82874526-1