Zanoni (PD): “Ancora un episodio di razzismo nel Trevigiano, solidarietà alla benzinaia aggredita. Chi ha visto parli, l’indifferenza è inaccettabile”

Zanoni (PD): “Ancora un episodio di razzismo nel Trevigiano, solidarietà alla benzinaia aggredita. Chi ha visto parli, l’indifferenza è inaccettabile”

(Arv) Venezia, 16 lug. 2019  –   “Nel 2019 non possiamo permettere che accadano ancora episodi stampo razzista. Piena solidarietà alla benzinaia, mi auguro che l’aggressore, identificato dalla targa, paghi per il suo gesto. Ma occorre che i testimoni parlino, visto che le telecamere non hanno inquadrato l’accaduto”. In una nota il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni esprime la propria vicinanza alla 34enne di origini marocchine che da vent’anni vive e lavora in Italia, colpita e insultata davanti a un distributore di Vazzola, condannando con fermezza l’aggressione. “Offendere qualcuno solo per il colore della pelle non può essere considerato ‘normale’. Non dobbiamo sottovalutare questo fenomeno, poiché i casi di aggressione e discriminazione di stampo xenofobo sono in aumento. Poche settimane fa a Conegliano – continua Zanoni –  una cliente di un bar ha rifiutato di farsi servire da una cameriera di colore, a maggio un ragazzino di 11 anni era stato bullizzato sullo scuolabus per lo stesso motivo. Una impennata a cui non è estraneo il  governo, e in particolare un ministro, che sembra aver fatto della guerra agli immigrati la sua ragione di vita e che ogni giorno si rivolge ai  propri fan sui social con un linguaggio per me assolutamente inadeguato al ruolo ricoperto. E che ancora ieri si vantava per aver gettato in mezzo alla strada più di 300 persone, tra cui 80 minori, con un’operazione di forza spropositata, senza però trovare il tempo per un tweet sull’arsenale, incluso un missile aria-aria, sequestrato a un gruppo neonazista tra Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna”.

/1051

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1