In attesa di Vicenza in Lirica, mercoledì 28 agosto una guida all’ascolto de La diavolessa

Un accattivante appuntamento pre-festival per la settima edizione di “Vicenza in Lirica”, che dal 31 agosto al 15 settembre richiamerà nella città del Palladio grandi protagonisti e giovani promesse della scena internazionale.

Mercoledì 28 agosto alle 18.30, a ingresso libero, negli spazi annessi alla Pasticceria Aliani di Vicenza (corso Fogazzaro, 163), il regista Bepi Morassi e il direttore d’orchestra Francesco Erle proporranno una guida all’ascolto dedicata alla produzione 2019 del festival, in cartellone giovedì 5 e domenica 8 settembre alle 21 al Teatro Olimpico: “La diavolessa”, opera buffa di Baldassare Galuppi composta su libretto di Carlo Goldoni. Il pubblico avrà così l’occasione di scoprire in anteprima questa deliziosa e poco frequentata testimonianza del Settecento veneziano più colorato e brillante, ricca di invenzioni musicali e di spassose trovate teatrali, in un intreccio di amori e tentazioni, fra avventuriere maliziose, giovani squattrinati, ricchi sciocchi, nobili altezzosi e scaltri locandieri.

La guida all’ascolto apre il cartellone di appuntamenti “on the road” della manifestazione, collocati cioè al di fuori del Teatro Olimpico e delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, che ospiteranno le opere e i concerti (info e biglietteria online su www.vicenzainlirica.it)

Tre gli incontri con l’autore in agenda, tutti alla Libreria Galla 1880, in piazza Castello. Sabato 31 agosto, alle 11.30, Michele Campanella presenterà il suo “Suono. Pensieri e divagazioni di un musicista fuori dal coro” (edito da Castelvecchi), conversando con il critico Cesare Galla; nell’occasione si parlerà anche della “Petite Messe Solennelle” di Gioachino Rossini la cui esecuzione, quella stessa sera alle 21 al Teatro Olimpico, aprirà il festival, con un grande cast e il maestro Campanella in veste di direttore, concertatore e primo pianoforte. Martedì 3 settembre alle 18 toccherà ad Andrea Tarabbia, intervistato dalla giornalista Chiara Roverotto su “Madrigale senza suono” (edizione Bollati Boringhieri), finalista al Premio Campiello, e mercoledì 4, alla stessa ora, ad Alberto Mattioli, che parlerà del suo “Il gattolico praticante. Esercizi di devozione felina” (edizione Garzanti) con Andrea Castello, direttore artistico di Vicenza in Lirica.

Ma spazio anche ad un aperitivo musicale a bordo piscina: domenica 1 settembre alle 18.30, al Viest Hotel, appuntamento con “Il Polidoro sfila, la Diavolessa attende”, con protagonisti gli sfarzosi costumi utilizzati per l’opera “Polidoro” di Antonio Lotti, produzione 2018 del festival.

Per l’intera durata della manifestazione, infine, è prevista un’edizione speciale de Le Vetrine vestono Lirica e Oro, iniziativa che coinvolge i commercianti della città, invitati a proporre allestimenti e prodotti unendo il mondo musicale del festival a quello dell’arte orafa, in omaggio alla concomitante rassegna fieristica VicenzaOro.

“Vicenza in Lirica” è promosso dall’associazione Concetto Armonico, in collaborazione con Comune di Vicenza e Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo a Vicenza. È patrocinato da Mibac, Regione del Veneto, Fondazione Teatro La Fenice di Venezia e Archivio storico Tullio Serafin, con l’appoggio di sponsor e partner, il sostegno della Fondazione Cariverona e la speciale collaborazione di Italian Exhibition Group Spa, in occasione di VicenzaOro.

ATTENZIONE: La notizia si riferisce alla data di pubblicazione indicata in alto. Le informazioni contenute possono pertanto subire variazioni nel tempo, non registrate in questa pagina, ma in comunicazioni successive.

(Comune di Vicenza)

UA-82874526-1