Sanità – Bigon (PD): “Visite ed esami negli ospedali, liste bloccate per mesi. Le scelte della Regione stanno portando alla privatizzazione del Sistema Sanitario”

Sanità – Bigon (PD): “Visite ed esami negli ospedali, liste bloccate per mesi. Le scelte della Regione stanno portando alla privatizzazione del Sistema Sanitario”

(Arv) Venezia, 8 ago. 2019 – “Non è possibile che le prenotazioni per visite mediche ed esami siano bloccate per mesi. È questa l’eccellenza veneta? La realtà è che le scelte leghiste stanno portando verso la completa privatizzazione del Sistema Sanitario nella nostra regione”.

Così la consigliera regionale del Partito Democratico, Anna Maria Bigon, che informa “presenteremo una Interrogazione rivolta a Zaia e all’Assessore Lanzarin affinché chiariscano la situazione e intervengano di conseguenza”.

“Il problema delle Liste di attesa va affrontato e risolto – afferma la consigliera Dem – ma è possibile farlo solo investendo maggiormente sulla Sanità Pubblica. In Veneto, mancano 1.300 medici specialisti, c’è carenza di infermieri e operatori sociosanitari, mentre i cittadini segnalano le difficoltà dei Cup nel dare informazioni precise, con le liste bloccate e l’accumulo di pazienti. Code infinite, centinaia di persone, non per fare shopping o andare a vedere un concerto, bensì per attendere un esame.

“I medici non mancano in termini assoluti, stiamo semmai assistendo a una fuga dei professionisti verso il Privato – spiega l’esponente dei Democratici –  Zaia si prenda le proprie responsabilità e si chieda perché i concorsi sono semideserti”.

“Il progressivo impoverimento del Servizio Pubblico è un problema drammatico – conclude Anna Maria Bigon –  perché pesa soprattutto sulle persone più deboli, che non si possono permettere una sanità a pagamento e rischiano così di non potersi curare adeguatamente”.

/1220

(Consiglio Veneto)

Please follow and like us