Territorio – Baldin (M5S): “Le vicende delle case sul Lusenzo e di Falconera verso la soluzione grazie all’iniziativa del Movimento 5 Stelle sul territorio e al governo”.

Territorio – Baldin (M5S): “Le vicende delle case sul Lusenzo e di Falconera verso la soluzione grazie all’iniziativa del Movimento 5 Stelle sul territorio e al governo”.

(Arv) Venezia, 26 set. 2019 – “Sono orgogliosa che ieri il Consiglio regionale del Veneto, quasi all’unanimità, abbia fatto sua la mia mozione, che risale a luglio scorso, circa la necessità di togliere all’amministrazione del demanio l’area di Falconera in modo che il territorio possa essere amministrato direttamente e i residenti mantenere le loro case senza correre i rischi di esproprio. Ora attendiamo una risposta definitiva da parte del Governo centrale”. Sono le parole della Consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Erika Baldin che in una nota afferma: “Il mio impegno resta massimo, non basta la posizione unanime del nostro Consiglio regionale, bisogna vigilare con attenzione sui tempi e i modi con i quali il Governo intende agire. L’area di Falconera merita di essere valorizzata in fretta con un progetto serio, non di cementificazione ma di urbanizzazione che vada a beneficio degli abitanti. Rimango loro referente e in stretto contatto con il Ministro D’Incà che ha dimostrato rapidità e sensibilità e con gli altri membri dell’esecutivo che dovranno affrontare il tema. In questo senso, infatti, il nuovo Governo proprio ieri ha dato un segnale più che incoraggiante”.

“In merito all’altro caso di conflitto amministrativo su terreni demaniali, quello delle case sul Lusenzo – aggiunge la Consigliera Baldin – il nostro Ministro Federico D’Incà ha comunicato di aver posto la sua firma sul documento che trasferisce in sede deliberante al Senato il provvedimento bloccato in Commissione Finanze da questa estate; le richieste esattoriali pervenute dal Demanio nei confronti dei proprietari degli immobili vanno verso la sospensione. Si tratta di un passo importante per la soluzione di una vicenda complessa che ha tenuto con il fiato sospeso per molti anni circa 200 famiglie che risiedono su questo litorale e che per motivi prettamente burocratici si erano viste recapitare dal demanio cartelle esattoriali per migliaia di euro.

Finalmente, grazie al filo diretto tra noi del Movimento 5 Stelle sul territorio e i nostri rappresentanti presso il Governo centrale, una prima, buona notizia per i proprietari delle case di Chioggia minacciati di esproprio”.

“Nelle prossime settimane – conclude Baldin – si potrà arrivare alla risoluzione di una delle vicende più tormentate del Veneto. Sono con il Ministro D’Incà nell’affermare che il nostro obiettivo è quello di dare sempre risposte pratiche ai cittadini che sono in difficoltà”.

/1469

(Consiglio Veneto)

Please follow and like us
UA-82874526-1