Terza Commissione – Esaminata la Proposta di legge n. 463 relativa alla pesca nelle acque interne e marittime interne del Veneto

Terza Commissione – Esaminata la Proposta di legge n. 463 relativa alla pesca nelle acque interne e marittime interne del Veneto

(Arv) Venezia, 18 set. 2018   –  Esaminato oggi nella Terza Commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Sergio Berlato (Fratelli d’Italia-MCR), Vicepresidente Graziano Azzalin (Partito Democratico), il Disegno di legge di iniziativa della Giunta n. 463, illustrato ai Commissari dall’Assessore regionale Giuseppe Pan, di modifica alla legge regionale 28 aprile 1998, n. 19 “Norme per la tutela delle risorse idrobiologiche e della fauna ittica e per la disciplina dell’esercizio della pesca nelle acque interne e marittime interne della Regione Veneto”.

In estrema sintesi, nel Capo I della Legge regionale n. 30/2018, e con successivi provvedimenti relativi al riordino delle funzioni provinciali in materia di caccia e pesca, sono state dettate nuove disposizioni in materia di tutela delle risorse idrobiologiche e della fauna ittica e per la disciplina dell’esercizio della pesca nelle acque interne e marittime interne della Regione del Veneto. In particolare, con l’art. 1 vengono apportate modifiche alla Legge regionale n. 19/1998 finalizzate principalmente a dare concreta attuazione al passaggio delle competenze relative alle funzioni in materia di pesca dalle Province e dalla Città metropolitana di Venezia alla Regione del Veneto. Alla luce del predetto riordino di funzioni, tra le proposte contenute nel disegno di legge incardinato oggi in Commissione, vi è la modifica dell’articolo 13 della Legge regionale n. 19/1998 che demanda esclusivamente al regolamento regionale la definizione delle lunghezze minime delle specie ittiche per esercitare la pesca, così come già previsto dall’articolo 7, comma 1, della stessa legge regionale n. 19/1998; per quanto riguarda i periodi di proibizione della pesca, si propone il mantenimento dei periodi di divieto di cui all’articolo 14, comma 1, della Legge regionale n. 19/1998, integrandolo con un ulteriore elenco di specie – puntualmente individuate per la prima volta in Legge – per le quali il prelievo è sempre vietato e di demandare al regolamento regionale la possibilità di disporre l’integrazione in senso restrittivo dei periodi e divieti di pesca per ciascuna delle specie ittiche indicate. Il Pdl n. 463 sarà trasmesso, ai fini dell’espressione del parere di competenza, alla Prima Commissione che la restituirà alla Terza Commissione per il via libera definitivo, propedeutico al suo inserimento all’Ordine del giorno dei lavori d’Aula.

La Terza Commissione, inoltre, ha dato il proprio via libera a maggioranza, senza voti contrari, al parere di competenza relativo alla Proposta di Deliberazione Amministrativa n. 105 di iniziativa della Giunta regionale volta all’approvazione del bilancio consolidato 2018 della Regione del Veneto (il provvedimento può così tornare in Prima commissione in vista dell’approvazione definitiva), ed ha svolto un primo esame, infine, relativamente ai Pdl di iniziativa dell’esecutivo n. 464 “Collegato alla legge di stabilità regionale 2020”, n. 465 “Legge di stabilità regionale 2020” e n. 466 “Bilancio di previsione 2020-2022” in vista delle audizioni.

/1391

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1