Pedemontana – Guarda, Ruzzante, Bartelle (Veneto 2020): “Caso Vallugana, il profitto del privato sopra alla salute pubblica: così Zaia e la Lega hanno tradito i veneti”

Pedemontana – Guarda, Ruzzante, Bartelle (Veneto 2020): “Caso Vallugana, il profitto del privato sopra alla salute pubblica: così Zaia e la Lega hanno tradito i veneti”

(Arv) Venezia 23 ott. 2019 –     “Solidarietà agli abitanti della Vallugana”. Così i Consiglieri regionali del coordinamento Veneto 2020 Cristina Guarda (Civica per il Veneto), Piero Ruzzante (Liberi e Uguali) e Patrizia Bartelle (Italia in Comune) che in una nota aggiungono: “È deplorevole che la Giunta Zaia scelga di mortificare chi vive ogni giorno il disagio delle polveri prodotte dai cantieri, essendone giustamente preoccupato, anziché porre in essere tutte le misure di tutela di competenza regionale. Inutile rifugiarsi dietro statistiche che fanno riferimento a medie giornaliere, se poi non si analizzano puntualmente i disagi riscontrati dai cittadini. Alcuni sono finiti al pronto soccorso”.

“Eppure – proseguono i Consiglieri di Veneto 2020 – chi governa la regione dovrebbe avere a cuore la tutela della salute di chi vive in questa terra. “Prima i veneti” dice lo slogan leghista, ma i fatti parlano d’altro: la Pedemontana deve andare avanti a ogni costo, a prescindere dalle ricadute economico-finanziarie sulle casse della Regione, e quindi sulle tasche dei cittadini, dai problemi ambientali e della salute. L’interesse privato prevale su poche decine di abitanti di una Valle periferica, nei fatti considerati cittadini di serie B da chi aveva promesso di tutelarli. Due pesi e due misure, dove dall’altra parte c’è il colosso SIS che nei prossimi vent’anni guadagnerà, grazie alle scelte della Giunta Zaia, miliardi di euro”.

/1696

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1