Prima Settimana della Protezione civile: weekend di dimostrazioni, gazebo e incontri su sicurezza e territorio. L’assessore D’Este: “Grazie ai volontari una manifestazione importante che avvicina i cittadini alle istituzioni. Invito tutti a partecipare”

Continuano le manifestazioni della prima Settimana della Protezione Civile, e, anzi, si avvicina il suo clou. Da domenica 13 ottobre in tutta Italia si susseguono infatti eventi e iniziative promosse dal Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei ministri, con il coordinamento della Prefettura di Venezia per quanto riguarda il territorio lagunare. Tra sabato e domenica il Parco San Giuliano e Piazza Ferretto a Mestre si riempiranno di volontari e operatori, per mostrare come la macchina dell’emergenza sia pronta a mettersi in moto in caso di necessità. Se nel grande polmone verde cittadino sabato 19 ottobre sarà dato spazio a dimostrazioni e prove pratiche, in piazza Ferretto domenica 20 ottobre saranno allestiti 20 stand espositivi rappresentativi delle varie realtà che partecipano all’iniziativa.

“I volontari della nostra Protezione civile hanno collaborato con impegno per organizzare la manifestazione – commenta l’assessore Giorgio D’Este, che ha la delega alla Protezione civile – l’elenco dei partecipanti già di per sé certifica la capacità del nostro territorio di fare squadra per aiutare con capacità e competenza i cittadini nel momento del bisogno. Per questo mi rivolgo soprattutto ai genitori: portare i vostri figli a tastare con mano quello che significa far parte di un Corpo di sicurezza, mostrando loro quanto i valori che permeano le attività della Protezione civile e delle Forze dell’Ordine siano attuali. E’ grazie a queste opportunità – ha concluso – che accorciamo la distanza tra cittadinanza, famiglie e istituzioni”.

Sabato, dunque, nelle vicinanze della Porta Rossa di San Giuliano, dalle 10 alle 16 saranno allestite dieci isole operative con una ventina di gazebo per la simulazione di interventi operativi. Parteciperanno la Polizia locale, con prove di sicurezza ed educazione stradale, il Gruppo comunale Volontari di Protezione civile, con attività di informazione e promozione, oltre che con dimostrazioni di logistica generale, la Polizia di Stato con il Reparto volo, i sommozzatori e le unità cinofile, il 4° Battaglione Carabinieri “Veneto”, con l’allestimento di tende e logistica da pronto intervento calamità, la Guardia di Finanza, con le unità cinofile, l’Esercito Italiano, con artificieri e i Lagunari del Reggimento Serenissima (per disinnesco ordigli e pattugliamento del territorio), il Suem 118, con la simulazione di una maxi emergenza sanitaria dopo un evento calamitoso, i Vigili del fuoco, con un soccorso tecnico urgente per alluvione, la Capitaneria di Porto, le organizzazioni di volontariato attive sul territorio comunale, come la Croce Verde Mestre onlus, l’associazione Discovery Dogs, l’associazione Unità Cinofila San Marco, l’Ari – Venezia e Mestre, l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Venezia e l’Ordine degli Architetti.

Si potranno osservare all’opera: unità cinofile antidroga, antisabotaggio e unità per la ricerca persone scomparse, artificieri, l’elicottero della Polizia di Stato con sorvoli operativi, le motopompe idrovore, le unità di intervento per pubblica calamità e le squadre Usar (Urban Search And Rescue) che operano per la ricerca di persone scomparse o sotto le macerie.

Sempre sabato 19 ottobre, nella Chiesa di San Felice in strada Nuova a Venezia, dalle ore 9 alle 12, si svolgerà la simulazione di un intervento di salvaguardia di beni culturali in seguito a un’emergenza, in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni culturali di Venezia e con il Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale e i Gruppi comunali dei volontari di Protezione Civile di Venezia (per info protezionecivile@comune.venezia.it o 0412746800). Al Lido di Venezia, invece, porte aperte alla cittadinanza dalle 10 alle 15 nella sede del Nucleo Volontari di Protezione Civile all’ex liceo Severi in via Valeri (per info procivlido@tiscali.it o 0412746800).

Domenica 20 ottobre l’attenzione si sposterà su Piazza Ferretto dove, dalle 10 alle 17, saranno allestiti dai volontari comunali di Protezione civile una ventina di stand espositivi che accoglieranno tutte le realtà protagoniste delle simulazioni. Quest’ultime saranno a disposizione della cittadinanza per attività promozionali, informative ed educative. Saranno presenti anche i gazebo dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Venezia e dell’Ordine Architetti e Pianificatori per la campagna educativa sui rischi sismici “Diamoci una scossa”.

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1