Rifiuti – Sinigaglia (PD): “La Giunta ritiri la delibera sull’ampliamento della discarica di Sant’Urbano: la Bassa Padovana non può essere la pattumiera del Veneto”

Rifiuti – Sinigaglia (PD): “La Giunta ritiri la delibera sull’ampliamento della discarica di Sant’Urbano: la Bassa Padovana non può essere la pattumiera del Veneto”

(Arv) Venezia 25 ott. 2019 –     “Pieno sostegno al sit-in di protesta organizzato da comitati e associazioni ambientalisti domani a Sant’Urbano: la Bassa Padovana sta diventando la pattumiera del Veneto. Chiederò già nella discussione sul bilancio il ritiro della delibera che prevede l’ampliamento della discarica. È il Consiglio, non la Giunta, il titolare della programmazione. È comunque evidente come la revisione del Piano regionale dei rifiuti sia urgente e indifferibile”. A dirlo è Claudio Sinigaglia, Consigliere regionale del Partito Democratico, che interviene con una nota “alla vigilia della manifestazione davanti al Municipio contro il via libera all’aumento della capienza di 14mila tonnellate, da 156mila a 170mila, dell’impianto padovano. Questa discarica è un caso più unico che raro: in questo sito vengono concentrati rifiuti, speciali e non, provenienti da tutto il Veneto; le preoccupazioni degli abitanti sono più che giustificate. Doveva essere chiusa, invece resterà aperta sette anni in più, fino al 2029, e con una capienza molto più grande. Avrà un impatto ambientale negativo sia per quanto riguarda l’inquinamento atmosferico che odorigeno, a cui si aggiunge il rischio di contaminazione delle acque, dovuto all’impianto di trattamento dei Pfas presenti nel percolato. Si tratta di una grossa presa in giro, la programmazione della Giunta Zaia è stata sbagliata e, ancora una volta, come nel caso della sanità, la provincia di Padova esce pesantemente penalizzata

/1722

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1