Sanità – Ruzzante, Bartelle, Guarda (Veneto 2020): “Sanità in bilico nel Bellunese: è ancora garantito il diritto alla salute?”

Sanità – Ruzzante, Bartelle, Guarda (Veneto 2020): “Sanità in bilico nel Bellunese: è ancora garantito il diritto alla salute?”

(Arv) Venezia 18 ott. 2019 –      “Continua l’erosione dei servizi socio-sanitari in Veneto e in particolare nelle zone periferiche, storicamente trascurate e bistrattate dal governo leghista. Quali garanzie, quali piani regionali esistono per garantire ai residenti della montagna bellunese l’effettività e la garanzia del diritto alla salute?”. Lo chiedono i Consiglieri regionali del coordinamento Veneto 2020 Piero Ruzzante (Liberi e Uguali), Patrizia Bartelle (Italia in Comune) e Cristina Guarda (Civica per il Veneto) che nella giornata di ieri hanno depositato un’interrogazione a risposta immediata chiamando in causa direttamente il presidente Zaia. “Tolti i due anni in cui è stato ministro all’agricoltura di Berlusconi, Zaia governa il Veneto da 15 anni, di cui 5 come vice di Galan e 10 da presidente. Con quali risultati sul fronte della Salute, che costituisce la principale “mission” regionale nonché la quasi totalità del bilancio dell’ente?”.

Il giudizio dei tre Consiglieri di Veneto 2020 è netto: “Nell’era Zaia abbiamo assistito a una privatizzazione strisciante della sanità veneta, con una fuga di medici e personale sanitario verso l’estero, verso il privato e anche verso altre regioni. Ringraziano gli speculatori del business della Salute a pagamento, ringraziano un po’ meno invece gli abitanti del Veneto. A pagarne maggiormente le spese sono le comunità che vivono nelle zone più distanti dai centri del potere politico ed economico: è il caso del Polesine e della montagna bellunese, dove l’effetto dei tagli è più catastrofico”.

“Siamo ancora in attesa della risposta della Giunta Zaia – concludono Ruzzante, Bartelle e Guarda – a una nostra precedente interrogazione, quella relativa all’annunciata privatizzazione del Punto di Primo Intervento di Auronzo di Cadore”.

/1667

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1