Seconda Commissione – “Via libera ai contributi annuali agli Enti Gestori di Parchi regionali. Iniziato l’esame del TU in materia di Protezione Civile”

Seconda Commissione – “Via libera ai contributi annuali agli Enti Gestori di Parchi regionali. Iniziato l’esame del TU in materia di Protezione Civile”

(Arv) Venezia, 17 ott. 2019   –  Nella seduta odierna della Seconda Commissione, presieduta da Francesco Calzavara (ZP), con Vice Presidente Andrea Zanoni (PD), è stato rilasciato a maggioranza, senza voti contrari, il Parere alla Giunta n. 463 “Contributi annuali agli Enti Gestori di Parchi regionali” per l’esercizio 2019.

La L.R. n. 40 del 16 agosto 1984, “Norme per l’istituzione di Parchi e riserve regionali”, prevede, all’art. 28, che la Regione del Veneto eroghi contributi annuali per spese di impianto e di funzionamento agli Enti gestori delle aree protette. La medesima norma prevede che tali contributi siano erogati con delibera di Giunta Regionale, sentita la Commissione Consiliare competente. Il citato art. 28 della L.R. 40/1984 è stato modificato dalla L.R. n. 1 del 27 febbraio 2008, “Legge Finanziaria regionale per l’esercizio 2008”, che autorizza la Giunta, successivamente all’approvazione del bilancio di previsione annuale e nelle more dell’approvazione della delibera di concessione dei contributi annuali, a riconoscere e corrispondere acconti agli Enti Parco fino ad un massimo del 50 per cento di quanto attribuito a ciascuno di essi nell’esercizio finanziario precedente a quello di riferimento. Quindi, per far fronte alle spese di funzionamento nei primi mesi dell’anno, con D.G.R. n. 545 del 30 aprile 2019 la Giunta Regionale ha provveduto a ripartire a favore degli Enti Parco, a titolo di acconto, la somma di Euro 1.896.000,00, quantificato nella misura del 50% dell’importo complessivo pari a euro 3.792.000,00, assegnato agli stessi nell’esercizio finanziario 2018. La competente Struttura regionale ha evidenziato come, rispetto al 2018, il quadro delle risorse umane e strumentali di cui i Parchi si avvalgono, è rimasto sostanzialmente immutato, anche in ragione del processo di ricostituzione della governance dei medesimi, prevista dalla L.R. 23/2018, ancora in fase di completamento. In ragione di ciò, anche per l’esercizio finanziario 2019, viene confermata la ripartizione dei contributi assegnati agli Enti Parco nel 2018, nella misura seguente: Ente Parco Regionale dei Colli Euganei: euro 1.490.635,20; Regole d’Ampezzo: euro 514.195,20; Comunità Montana della Lessinia: euro 612.028,80; Ente Parco Naturale Regionale del Fiume Sile: euro 418.257,60; Ente Parco Naturale Regionale del Delta del Po: euro 756.883,20.

E’ iniziato l’esame dell’articolato del nuovo Testo Unificato che collaziona assieme diversi Progetti di Legge in materia di protezione civile, con il PdL della Giunta n. 249 “Norme per la disciplina degli interventi regionali di protezione civile” assunto quale testo di riferimento, mentre quattro sono le proposte normative di iniziativa consiliare, rispettivamente con primi firmatari Giovanna Negro (VcA), Nicola Finco (LN), Stefano Fracasso (PD) e Massimiliano Barison (Veneti Uniti). All’esame dei commissari, i primi tre articoli.

“Il nuovo testo normativo –come puntualizzato dal Presidente Calzavara – disciplina la materia della Protezione Civile in ambito regionale, è completo e coerente con la normativa nazionale. Ricomprende l’anti incendio boschivo, istituisce il Servizio Regionale di Protezione Civile. Vengono precisati i compiti in capo alla Regione, come la predisposizione di Piani regionali e provinciali di Protezione Civile, l’individuazione di appositi Distretti territoriali, la gestione dell’emergenza, il supporto ai Comuni, l’assegnazione di contributi, il coordinamento delle attività, comprese quelle dei volontari”.

Alla presenza degli Assessori regionali Corazzari e Bottacin, sono stati rilasciati a maggioranza i Pareri di competenza alla Prima Commissione in ordine alla manovra di bilancio regionale, ovvero alla PDA n. 101 “Adozione del Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2020-2022”, alla PDA n. 107 “Adozione della Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2020-2022”, ai Progetti di Legge n. 464 “Collegato alla Legge di Stabilità regionale 2020”; n. 465 “Legge di Stabilità regionale 2020”; e n. 466 “Bilancio di previsione 2020-2022”.

Quanto al DEFR, sono stati in particolare affrontati gli obiettivi programmatici legati al Protocollo d’Intesa per un Veneto sostenibile, anche con riferimento all’Agenda 2030, al consumo di suolo, alla qualità dell’aria, alla biodiversità. Il Presidente Calzavara ha auspicato “entro il 2020, l’istituzione dell’Osservatorio regionale permanente per il consumo di suolo, per confrontarsi con ISPRA secondo dati oggettivi, al fine di valutare seriamente il corretto funzionamento della legge, ed eventualmente migliorarla, e di non compromettere il risultato dell’importante lavoro portato avanti in Commissione”. Il consigliere Massimo Giorgetti ha presentato in aula alcuni emendamenti, “legati a indirizzi programmatici senza comportare spese aggiuntive in bilancio, in particolare legati all’applicazione delle norme del Codice degli Appalti per velocizzare le procedure di assegnazione, all’installazione di distributori alla spina, per chiarire la destinazione finale dei prodotti riciclati da demolizione, per potenziare la sicurezza idraulica dei territori, per coordinare gli interventi di Protezione Civile”.

/1653

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1