Bilancio – Gruppo M5S: “I nostri emendamenti, per interventi sociali a favore delle fasce più deboli e l’istruzione”

Bilancio – Gruppo M5S: “I nostri emendamenti, per interventi sociali a favore delle fasce più deboli e l’istruzione”

(Arv) Venezia 12 nov. 2019 – “In questi giorni di approvazione del bilancio della Regione, presentiamo in Consiglio regionale e all’attenzione del Governo un pacchetto di emendamenti per interventi sociali, a favore delle fasce più deboli e dell’istruzione, convinti che l’impegno anche finanziario della Regione debba abbracciare questi temi delicati, fondamentali per rinsaldare il tessuto sociale e costruire prospettive sul territorio per le nuove generazioni”. Lo affermano in una nota i Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che spiegano: “In primo luogo, anche in vista del prossimo 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza alle donne, proponiamo di stanziare la somma di 400mila euro per finanziare un progetto a lungo termine della durata di 3 anni con iniziative di sensibilizzazione per il contrasto alla violenza di genere. Ci sembra le cronache quotidiane suggeriscano una maggior attenzione per un fenomeno che si pone come una vera emergenza”.

“Un tema importante – continuano – è il percorso di istruzione superiore per i ragazzi portatori di handicap, che solo fino ai 14 anni godono di agevolazioni e supporti erogati dalle amministrazioni comunali. È evidente che si tratti di soggetti che hanno diritto a vedere garantita la propria istruzione e formazione per l’inserimento nel mondo del lavoro. In questo senso un tema sensibile è quello del trasporto scolastico, per il quale proponiamo un impegno da parte della Regione per il prossimo triennio di 600mila euro a favore dei frequentanti le scuole secondarie superiori e i centri di formazione professionali accreditati. Proponiamo inoltre che la Regione attinga risorse per impegnarsi a favore della messa in sicurezza degli edifici scolastici, al miglioramento delle strutture sportive annesse e agli interventi per il risparmio energetico degli edifici stessi. Si tratta di un progetto orientato principalmente alla sicurezza, alla salute psico-fisica con provvedimenti di edilizia che finiscano per ammortizzare la spesa attraverso l’efficientamento climatico. Affinché i giovani veneti possano completare il loro percorso di formazione sul nostro territorio, magari trovando così più facilmente opportunità di lavoro che non li costringano ad abbandonare la regione e affinché questa possibilità venga garantita a tutti, indipendentemente dalle possibilità economiche della famiglia di origine, chiediamo che vengano stanziati 2 milioni di euro per rifinanziare e rafforzare gli effetti della legge regionale n. 8/1988 sull’accesso alla formazione universitaria e post universitaria per studenti capaci e meritevoli anche se privi di mezzi”.

“Ci auguriamo che il dibattito in corso in Consiglio regionale del Veneto faccia suoi questi temi così delicati ed incisivi – concludono – orientando lo sforzo finanziario alla solidarietà sociale”.

/1865

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1