Sanità – Sinigaglia e Azzalin (PD): “Ospedale di Adria, situazione insostenibile: esternalizzazione dei servizi, personale non adeguatamente formato e turni massacranti. A rischio la salute dei pazienti”

Sanità – Sinigaglia e Azzalin (PD): “Ospedale di Adria, situazione insostenibile: esternalizzazione dei servizi, personale non adeguatamente formato e turni massacranti. A rischio la salute dei pazienti”

(Arv) Venezia 11 nov. 2019 –      “Quanto accaduto al Pronto soccorso di Adria è gravissimo, è il segno che la situazione è ormai degenerata. Avevamo già denunciato i rischi dell’esternalizzazione dei servizi, affidati a cooperative di medici, che sta prendendo corpo in troppe strutture pubbliche del Veneto. È questa l’eccellenza di cui si vantano Zaia e la Lega?”. È quanto chiedono i Consiglieri regionali del Partito Democratico Claudio Sinigaglia e Graziano Azzalin preannunciando un’interrogazione all’assessore alla Sanità “dopo la denuncia di otto medici, inviata ai sindacati e all’Ulss 5, che però ancora non ha risposto; si tratta di criticità quasi ovvie, tra personale non adeguatamente formato o stanco per i turni di lavoro massacranti, che testimoniano il fallimento della programmazione sociosanitaria della Giunta leghista. La carenza di personale si ripercuote anche sulla qualità dei servizi ai pazienti, viene evidenziata una crescente insoddisfazione, con potenziali rischi per la loro salute. Con un quadro del genere, la situazione non può che peggiorare con ulteriori fughe di medici verso il privato. Quali soluzioni ha in mente la Regione per invertire la rotta?”. 

/1847

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1