Infrastrutture – Scarabel (M5S): “Aeroporto Canova, a Zaia si è rotto il disco, qui i 5 stelle non c’entrano. È una questione di salute e sicurezza dei cittadini”

Infrastrutture – Scarabel (M5S): “Aeroporto Canova, a Zaia si è rotto il disco, qui i 5 stelle non c’entrano. È una questione di salute e sicurezza dei cittadini”

(Arv) Venezia 5 dic. 2019 –       “Quando non sa cosa dire, o peggio non sa dare giustificazioni a chi forse gli aveva promesso consensi in cambio di affari, il nostro governatore fa ricorso al repertorio che gli passa il suo capo Salvini”. Sono le parole del Consigliere regionale Simone Scarabel (Movimento 5 Stelle) che aggiunge: “Oggi se un comitato di cittadini ha ottenuto dal ministero di rivedere il progetto di ampliamento dell’aeroporto Canova, portando nuove, importanti perplessità su salute e sicurezza degli abitanti, è colpa del Movimento 5 Stelle. Siccome, quando si raccontano frottole, tanto vale raccontarle grosse, ci mette in mezzo anche la Pedemontana (ormai non riesce a parlare d’altro) e delle non meglio precisate grandi opere. Insomma se la sua ormai mitica autostrada si è rivelata una macchina mangia soldi, se le gallerie sono crollate durante i lavori ammazzando operai, se è costruita sulle discariche abusive, sarebbe colpa nostra. Così come ora, se gli abitanti si sono appellati al ministero perché preoccupati di vedersi aerei sopra i tetti della case e di dover respirare cherosene è ancora colpa dei 5 Stelle. L’aeroporto funziona a pieno regime, ci dice la società di gestione: nessuno blocca nulla. L’ampliamento se deve essere fatto, deve rispettare i centri abitati circostanti e la salute della gente. Tutto qui”.

“Zaia si metta tranquillo – conclude Scarabel – e non dia lezioni di sviluppo, visto che il modello suo e della maggioranza che governa la regione da 20 anni è quello del Mose: opere che gonfiano i portafogli dei soliti noti, restano ferme per decenni e non si sa se potranno servire a qualcosa”.

/2062

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1