Città di Venezia e Open Fiber siglano il rinnovo della convenzione per la posa della rete in fibra ottica: oltre 110mila unità immobiliari già connesse

Entro giugno 2020 più di 120mila case della città di Venezia saranno collegate da Open Fiber in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa), tecnologia che abilita tutti i servizi di ultima generazione e le più moderne applicazioni Smart City. Per raggiungere questo obiettivo, il Comune ha siglato il rinnovo della convenzione con Open Fiber per ulteriori 6 mesi: oggi sono già più di 110mila le unità immobiliari cablate tra il centro storico e la terraferma, gli interventi ancora in corso serviranno a terminare i collegamenti di tutte le abitazioni alla rete a banda ultra larga, che si estende complessivamente per oltre 1000 chilometri su tutto il territorio veneziano, con un totale di circa 2000 chilometri di cavi in fibra stesi.

Il piano di sviluppo che Open Fiber sta ultimando a Venezia, una delle città pioniere del progetto, vale oltre 40 milioni di euro: in virtù della sua peculiare urbanistica e dei suoi tesori artistici, l’azienda sottolinea che è stata posta nel corso di questi anni “un’attenzione particolarmente elevata”. In media nei cantieri di Open Fiber a Venezia sono state impiegate più di 150 persone all’anno tra progettisti, operai specializzati e giuntisti.

L’infrastruttura, interamente in fibra ottica, è stata realizzata, in accordo con gli uffici del Comune, riutilizzando le reti esistenti (aeree o interrate) per circa il 90% del progetto: le attività di scavo, comunque a basso impatto ambientale, hanno riguardato quasi esclusivamente Mestre e la terraferma, mentre per il centro storico sono state adottate tecniche di lavorazione ad hoc, compresa la posa subacquea dei cavi, come quella realizzata nel Canale della Giudecca, che ha consentito il cablaggio dei sestieri.

“Venezia è stata tra le prime cinque città italiane – ha affermato il consigliere delegato all’Innovazione e alla Smart City, Luca Battistella – ad aderire nel 2016 a questo grande progetto che realizza un’importante infrastruttura digitale per il nostro territorio. Un’opera che cambia anche il concetto di divisione tra centro e periferia, perché i cittadini si sentiranno nel fulcro di un’estesa rete che viaggia veloce attraverso nuove infrastrutture digitali. Una modalità che Venezia già vive, vista la disponibilità, per gli utenti, di poter accedere in modo digitale a oltre settanta servizi online di diversa tipologia erogati dagli uffici comunali: dai certificati di famiglia alle iscrizioni nelle scuole”.

Per la realizzazione della rete cablata è stato importante il ruolo di Venis, come sottolineato dall’amministratore unico Paolo Bettio. “Ci siamo posti come facilitatori nella realizzazione dei lavori – ha spiegato Bettio – con l’obiettivo di agevolare gli operatori nello svolgimento e nell’avanzamento delle opere. Lo scopo, anche su richiesta dell’Amministrazione, era di procedere veloci alla realizzazione del progetto”.

“Il piano di sviluppo è ormai alle battute finali”, ha sottolineato Federico Cariali, regional manager del Veneto per Open Fiber. “È motivo di grande orgoglio per noi portare la nostra rete FTTH a Venezia: siamo convinti che questa infrastruttura possa dare un concreto impulso alla rivoluzione digitale di cui questo territorio ha fortemente bisogno ed è per questo che Open Fiber ha sostenuto un investimento da oltre 40 milioni di euro. Grazie alle tecnologie abilitate dalla banda ultra larga, sarà possibile sviluppare servizi ad alto contenuto innovativo di cui potranno beneficiare tutti i cittadini. Dalle piattaforme di monitoraggio ambientale, sempre più indispensabili per preservare il patrimonio artistico e culturale della città di Venezia, ai servizi come la telemedicina, la domotica, lo streaming online in HD o in 4K: i vantaggi di una connessione fino a 1 Gigabit al secondo sono già una realtà per gran parte della cittadinanza, entro giugno lo saranno per tutte le oltre 120mila unità immobiliari del progetto”.

I lavori di Open Fiber sono sostanzialmente conclusi nei sestieri (Cannaregio, Castello, Dorsoduro, Santa Croce, San Marco e San Polo) e alla Giudecca, mentre in alcune aree di Mestre e Marghera proseguiranno in questi mesi gli ultimi interventi di collegamento agli edifici ed è programmata la fase finale dei ripristini definitivi nelle strade della città interessate dai lavori di posa della nuova infrastruttura. Nell’ambito del progetto, Open Fiber, in collaborazione con Venis, ha anche provveduto a raggiungere con la fibra ultra veloce quasi 30 scuole della città.

“Realizzare una rete interamente in fibra ottica di circa 1100 chilometri in una delle città più ricche di storia al mondo non è stato semplice, – ha spiegato il field manager di Open Fiber per la città di Venezia, Matteo Carli – ma grazie alla proficua collaborazione con l’Amministrazione, gli uffici tecnici del Comune, le municipalizzate Insula e Venis e tutti gli enti coinvolti nel progetto, siamo riusciti a vincere questa sfida. Il piano non è terminato, ma manca davvero poco: chiediamo ai cittadini (soprattutto a quelli della terraferma, dove si concentreranno gli ultimi interventi) ancora un po’ di pazienza per i nostri cantieri perché presto consegneremo alla città un’infrastruttura di rete moderna, all’avanguardia e ‘a prova di futuro’”.

(Comune di Venezia)

Please follow and like us
UA-82874526-1