Criminalità organizzata – Berti (M5S): “La mafia ha messo radici in Veneto, ma per Zaia e i suoi è roba da poco. Vogliamo una Commissione specifica, basta voltarsi dall’altra parte”

Criminalità organizzata – Berti (M5S): “La mafia ha messo radici in Veneto, ma per Zaia e i suoi è roba da poco. Vogliamo una Commissione specifica, basta voltarsi dall’altra parte”

(Arv) Venezia 28 gen. 2020 –      “Contro la mafia non si va leggeri, ma bisogna usare ogni arma disponibile: guerra aperta e senza scrupoli. Abbiamo Comuni a rischio scioglimento, processi sull’infiltrazione di camorra e ‘ndrangheta, le ecomafie che riempiono i capannoni di rifiuti e gli danno fuoco, ma ancora non basta per una commissione d’inchiesta in Regione? Per Zaia e i suoi, sembra di no”. Così Jacopo Berti, Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale del veneto, che aggiunge: “Vorrebbero appena inserire il tema nella Commissione che si occupa di verifica normativa su dei temi più svariati: dal territorio, alle infrastrutture, alle politiche ambientali: così facendo si rischia di annacquare tutto. Noi del Movimento 5 Stelle lo chiediamo ormai da un anno: vogliamo subito una Commissione d’inchiesta contro la Mafia. Questo per affiancare l’opera della magistratura e mettere l’istituzione regionale nelle condizioni di difendere il Veneto dalla mafia, facendo luce su ogni episodio e ogni responsabilità. Siamo sconcertati da questo balbettio su un tema così importante. Ci vogliono azioni nette e chiare contro questi delinquenti. È
un insulto ai veneti onesti, a chi fa impresa con fatica e impegno, a chi vuol amministrare il territorio con trasparenza e si trova a combattere una guerra solitaria contro la criminalità”.

/209

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1