CRV – “Via libera a diverse Mozioni e Risoluzioni”

CRV – “Via libera a diverse Mozioni e Risoluzioni”

(Arv) Venezia 21 gen. 2020 –      Il Consiglio Regionale nel pomeriggio ha approvato, con 38 voti favorevoli e 2 astenuti, la Risoluzione n. 76, presentata dal consigliere Ruzzante (LeU), f38inalizzata a promuovere le modalità per portare l’Italia nel consesso degli Stati che si impegnano a far entrare in vigore il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari.

Approvata all’unanimità la Mozione n. 491, presentata dal primo firmatario Pigozzo (PD), che vuole garantire maggiore disponibilità di personale medico e adeguate risorse alle Unità di raccolta di sangue ed emocomponenti.

Via libera, con voti con 27 voti favorevoli e 10 astenuti, alla Mozione n. 547, presentata dal primo firmatario Barison (VU), che impegna la Regione ad attivarsi presso il Governo affinché la Plastic Tax sia stralciata dal Disegno di Legge di bilancio.

Voto unanime alla Mozione n. 543, presentata dal primo firmatario Finco (Lega), che impegna la Regione a sostenere la candidatura del Monte Grappa a Riserva di Biosfera UNESCO in vista della conservazione di flora e fauna, dello sviluppo economico e dell’educazione ambientale.

Voto unanime alla Mozione n. 511, presentata dalla prima firmataria Salemi (PD), che impegna la Giunta regionale a garantire ogni sostegno e, a partire dal bilancio regionale di previsione 2020, il finanziamento necessario, per la redazione dei dossier e per l’ottimale presentazione della candidatura a patrimonio dell’UNESCO delle tecniche di appassimento dei vini Amarone e Recioto, con relativa valorizzazione dell’area di produzione vinicola della Valpolicella.

Voto unanime anche alla Mozione n. 550, presentata dal primo firmatario Alberto Semenzato (Lega), che impegna la Giunta regionale ad attivarsi affinché il PDTA Osteoporosi, già adottato nell’AULSS 3 Serenissima, sia esteso a tutte le AULSS del Veneto.

Appoggio trasversale alla Mozione n. 551, introdotta dal primo firmatario Alberto Semenzato (Lega), che impegna la Giunta regionale ad attivarsi affinché il progetto di riorganizzazione funzionale e strutturale dei PP.OO. di Mirano possa essere avviato nel più breve tempo possibile.

Votata all’unanimità la Risoluzione n. 57, primo firmatario Pigozzo (PD) e sostenuta da tutto l’Ufficio di Presidenza, che mira a promuovere la diffusione del ‘Manifesto di Venezia’ presso tutte le Istituzioni del Veneto, in particolare le realtà scolastiche, incentivandole a darne attuazione, in relazione ai ruoli e alle funzioni specificamente detenuti, con incontri pubblici e dibattiti, anche in collaborazione con i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, volti alla sensibilizzazione, alla presa di coscienza e alla prevenzione del problema della violenza di genere, nonché alle azioni di tutela delle vittime della violenza di genere.

Respinta invece con 23 voti contrari, 11 favorevoli e 2 astenuti, la Mozione n. 541, presentata dal primo firmatario Jacopo Berti (M5S), per la promozione e il sostegno al progetto “Corte Penale Europea della Salute e dell’Ambiente” e la Commissione giuridico-scientifica, così da favorirne l’inserimento nella agenda politico-programmatica delle Istituzioni europee, affinché Venezia diventi il punto di riferimento europeo per il clima e la tutela dell’Ambiente, non solo a livello europeo, ma anche internazionale.

Rinviata in Sesta Commissione la Mozione n. 554, presentata dal primo firmatario Orietta Salemi (PD), che impegna la Giunta regionale a sostenere, con le modalità ritenute più idonee, la candidatura di Verona alla designazione di ‘capitale italiana della cultura per l’anno 2021’, favorendo, per quanto di competenza, il suo buon esito.

/138

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1