Sei mesi nell’Altosile

Il 10 gennaio presso Ca’ Celsi a Istrana, il PD Altosile ha tenuto un incontro pubblico per rendere noto ai cittadini dei cinque Comuni su quanto fatto fino ad ora e a che punto stanno le cose.

Il PD dell’Altosile negli ultimi sei mesi si è infatti interessato di alcuni problemi della vita quotidiana dei cittadini, in particolare di sanità e trasporti.

Nell’incontro è stata anche analizzata e presentata la situazione socio-ambientale del territorio dei 5 comuni confrontando i dati, raccolti in una trentina di slide, relativi a: popolazione, territorio, scolarizzazione, rapporto tra stranieri e abitanti.

Lo scopo di tale presentazione è stato quello di rendere più edotti i cittadini sulle caratteristiche e sulle potenzialità del territorio in cui abitano e anche sulle somiglianze tra i vari comuni che compongono l’Altosile.

I presenti sono stati partecipi e soprattutto contenti del fatto che si sia parlato di temi concreti, attuali e molto sentiti.

Si è concordato sull’opportunità di continuare a “fare politica” su problemi concreti con il coinvolgimento costante dei cittadini, usando non il solito linguaggio politichese e non i “massimi sistemi teorici”.

L’impegno comune che è stato preso è quello di continuare a seguire l’iter dei temi suesposti:

– monitorare l’effettivo spostamenti degli ambulatori da Motta a Treviso;

– avviare una raccolta di firme per chiedere l’allargamento dell’area di trasporto urbano ai comuni di “seconda fascia” e l’adozione del biglietto unico integrato.

Per quanto riguarda l’aeroporto sono emerse le criticità più volte segnalate e ancora si attendono le risposte alle domande più volte formulate a Zaia.

L’Altosile si è preso inoltre l’impegno di seguire anche la tematica ambientale, dall’inquinamento dell’aria alla presenza di cave e discariche.

(Partito Democratico)

UA-82874526-1