Ambiente – Scarabel (M5S): “Smog a Treviso, bene l’indagine epidemiologica purché sia un metodo da seguire sempre”

Ambiente – Scarabel (M5S): “Smog a Treviso, bene l’indagine epidemiologica purché sia un metodo da seguire sempre”

(Arv) Venezia, 17 feb. 2020  – “Piuttosto di niente meglio piuttosto, si dice: con questo spirito apprendo dell’apertura molto timida della Ulss 2 volta a valutare la fattibilità di una indagine epidemiologica per il comune di Treviso riguardo l’impatto delle polveri sottili. Basta che non si concluda sempre dicendo che stiamo ‘mediamente bene’ come nel resto d’Italia, anzi un po’ meglio”. Così il Consigliere regionale Simone Scarabel (Movimento 5 Stelle) che aggiunge: “Val la pena di ricordare l’indagine epidemiologica sull’impatto del cementificio a Pederobba: risultò una condizione perfino migliore rispetto al resto del Veneto. Peccato che sia stato ignorato il metodo di indagine del dottor Crosignani, determinante per accertare l’impatto ambientale dell’Ilva di Taranto: forse si temeva di scoprire che qualche problema di inquinamento l’abbiamo anche noi. Nel novembre scorso ho presentato un emendamento per chiedere il monitoraggio degli interferenti endocrini per le donne in gravidanza e i bambini in età pediatrica, con un progetto pilota per limitare i costi e capire lo stato di salute di questa fascia molto vulnerabile. Mi è stato opposto il rischio di suscitare allarme tra le mamme. A proposito delle ultime uscite di Salvini sugli aborti, ho considerato i numeri del Veneto: nel 2017 gli aborti volontari sono stati leggermente inferiori a quelli spontanei. Il mio emendamento sugli interferenti endocrini voleva proprio verificare le cause degli aborti spontanei che nel 2017 sono stati 130 su 1000 nati. Su queste vicende, se si facesse meno propaganda e più prevenzione, sarebbe molto meglio per tutti”.

/357

(Consiglio Veneto)

UA-82874526-1