Carnevale 2020, il Lido “invaso” da migliaia di persone per una grande giornata di festa

Dopo il grande successo dello scorso anno il Lido di Venezia si è confermato graditissimo palcoscenico d’eccezione del carnevale veneziano.
Fin dal primo pomeriggio centinaia di persone si sono radunate lungo le vie dell’isola lagunare per assistere alla sfilata dei carri allegorici, partita alle 17 a suon di musica e balli dalla rotonda del Blue Moon. All’evento ha partecipato il sindaco di Venezia che ha salutato l’arrivo della coloratissima parata dal palco di piazzale Lepanto.

“Siamo orgogliosi di far vivere il Carnevale a tutti – ha dichiarato il sindaco – di far sentire la città unita, anche attraverso questa festa che diverte ognuno di noi, a partire dai bambini. Il Lido per noi è un grande obiettivo, dobbiamo far sentire tutta la gente, dal centro, alle isole, alla terraferma, veneziana al cento per cento”.

Sul palco presenti per l’Amministrazione comunale anche il prosindaco del Lido, l’assessore al Bilancio e il consigliere delegato ai Rapporti con le isole. Come sempre, importante è stato lo sforzo della macchina organizzativa che per la parata si è avvalsa del contributo di 30 volontari della Protezione civile.
La giornata di festa è iniziata al mattino con l’apertura dei Carnival Market in Piazzale Santa Maria Elisabetta, poi dalle 16.30 è proseguita con la sfilata dei bambini e l’esibizione di trampolieri, giocolieri e spettacoli con bolle giganti dal grande impatto scenografico.

Gioco, Follia ma anche Amore tra le strade del Lido, dove il tema del Carnevale 2020 ha preso forma in ogni sua declinazione. Il corteo dei carri è stato infatti preceduto dalla romantica sfilata “Bici al Bacio” che ha raggiunto il palco accompagnata dall’applauditissima Banda di Pellestrina. Un corteo che ha visto in scena ben 4 gruppi con 7 carri lunghi fino a 15 metri per un totale di di 700 figuranti. I rappresentanti dell’Amministrazione hanno premiato sul palco tutti i gruppi intervenuti.

Il primo cittadino ha infine parlato di Leonardo Miloni e Sebastiano Franzoi, i due ragazzi autori di “Duri i banchi”, che, ha dichiarato, “voglio ringraziare pubblicamente perchè, con la loro musica rap, hanno mostrato tutto l’amore che c’è per Venezia e il sentimento di unione di cui abbiamo bisogno anche in momenti difficili”.

(Comune di Venezia)

UA-82874526-1