Sanità – Guarda (CpV): “L’Istituto di Mezzaselva di Roana privatizzato. Lancia la mobilitazione online”

Sanità – Guarda (CpV): “L’Istituto di Mezzaselva di Roana privatizzato. Lancia la mobilitazione online”

(Arv) Venezia, 26 mag. 2020 – “Questa emergenza da Covid-19 non ha insegnato nulla. Appena si può privatizzare si privatizza. In Veneto è così negli ultimi vent’anni. Così rischia l’Istituto di Mezzaselva di Roana. Ai cittadini dell’Altopiano di Asiago chiedo: rimarrete inermi di fronte a questo scippo?”. Così la consigliera regionale Cristina Guarda (Civica per il Veneto) e componente del Coordinamento Veneto2020, che aggiunge: “Sto lanciando in questi giorni, una mobilitazione contro la messa in vendita da parte della Regione del Veneto, dell’Istituto di Mezzaselva di Roana. Per esprimere il proprio disappunto circa questa privatizzazione basterà mandare una mail a: scrivimi@cristinaguarda.it. Porterò le mail in Consiglio regionale del Veneto. Sono stanca di decisioni prese dall’alto senza consultare le comunità coinvolte. Cosa ne pensano i sindaci dell’Altopiano dei Sette Comuni? Si vuole togliere dal sistema socio sanitario – spiega la consigliera – una struttura che ha dato, e poteva dare tanto, a livello di riabilitazione e sostegno, anche sociale, alle famiglie del territorio”.

“Un territorio carente, a causa dei continui tagli – ricorda la consigliera – a partire dall’ex Presidente della Regione Giancarlo Galan, fino ai giorni nostri, con il Presidente Luca  Zaia.  Questa struttura ha segnato la storia Altopiano dei Sette Comuni, conosciuto anche con il nome Altopiano di Asiago, con una Regione che ha investito all’inizio degli anni 2000, ben 22 miliardi di lire,  per ristrutturare completamente, non solo ci sono cittadini che, in questi anni, hanno promosso progetti per rilanciare la struttura, pensando anche alle opportunità occupazionali”.

“L’episodio della messa in vendita della struttura di Mezzaselva di Roana – secondo la consigliera – è solo l’ultimo capitolo, di una serie di trascuratezze di cui la Regione del Veneto, si è resa responsabile negli ultimi anni. L’Altopiano dei Sette Comuni, è un territorio accogliente e amato dai veneti, ma troppo spesso dimenticato dalla Lega Veneta per molti aspetti: dalla presenza dei lupi, ad un piano ad hoc per il turismo, allo spopolamento, fino alle delicate questioni che toccano la sanità del territorio, con il pericolo di far pagare un prezzo troppo alto per un territorio così importante. Quando smetteranno di approfittare degli elettori ed inizieranno a fare?”, conclude Cristina Guarda.

/1104

(Consiglio Veneto)

Please follow and like us