Papa Francesco: “Il Giavera festival è un luogo di incontro dove condividere la speranza, il sogno di un mondo più fraterno”

Sabato 27 novembre papa Francesco ha ricevuto in udienza “Ritmi e danze dal mondo”. “La vostra casa di accoglienza, è una casa con tante finestre aperte sul mondo! E così il Giavera Festival è diventato un crocevia, un luogo di incontro, di dialogo, di conoscenza reciproca. E anche un luogo dove condividere la speranza, il sogno di un mondo più fraterno”.

“Le vostre esperienze siano anche messe a disposizione della buona politica, per aiutare chi ha responsabilità di governo a livello locale, nazionale e internazionale a fare scelte che sappiano sempre unire il sano realismo con il rispetto della dignità delle persone” ha auspicato il Papa, che ha aggiunto: “Possiamo chiederci, dopo trent’anni: la nostra esperienza è riuscita, e in quale misura, a incidere sul piano delle scelte politiche, dialogando con le istituzioni e con la società civile? Mi sembra importante porsi questa domanda”.

Da papa Francesco l’invito a impegnarsi affinché la «cultura dell’accoglienza» prevalga contro quella dello scarto e a prendere a modello “Abramo, che rimase migrante per tutta la vita, un “padre” che come cristiani condividiamo con gli ebrei e i musulmani, ma è una figura in cui possono riconoscersi tutti gli uomini e le donne che concepiscono la vita come viaggio alla ricerca della terra promessa, terra di libertà e di pace, dove vivere insieme come fratelli”. Qui sotto l’articolo dell’Osservatore romano:

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2021-11/quo-271/non-si-possono-chiudere-gli-occhi-davanti-alle-torture-dei-migra.html

L’articolo di Vatican news

Share on Facebook

Facebook

Tweet about this on Twitter

Twitter

Share on Whatsapp

Whatsapp

Email this to someone

email

Print this page

Print

(Diocesi di Treviso)

Please follow and like us