DIRETTIVA NITRATI

E’ entrato in vigore il 1 gennaio 2022 il provvedimento che disciplina  la distribuzione agronomica degli effluenti, dei materiali digestati e delle acque reflue comprensive del IV programma d’azione per le zone Vulnerabili ai nitrati di origine agricola del Veneto.

Le misure sui divieti stagionali e le disposizioni per le condizioni di allerta PM10 (in vigore dal 1° ottobre 2021)  sono entrambe oggetto di particolare attenzione da parte della Commissione europea soprattutto in considerazione della sentenza del 10 novembre 2020 della Corte di Giustizia europea che condanna l’Italia per l’inottemperanza alla Direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa.

Fra le novità di rilevo inserite per le Zone Ordinarie rammentiamo l’introduzione dell’obbligo del registro dei fertilizzanti informatizzato per le aziende con SAU superiore ai 14.80 ettari.

Relativamente alle restrizioni inoltre, nonostante Coldiretti si sia attivata per ridurre il periodo di divieto continuativo di spandimento dei concimi azotali in zona ordinaria nei mesi di dicembre e gennaio (utilizzando la flessibilità consentita dall’applicazione del Bollettino Agrometeo Arpav) tale divieto è stato confermato.

Ricordiamo inoltre che nei giorni di allerta PM10 (verificabili attraverso il bollettino Agrometeo Nitrati di Arpav) sia per le zone Zone Ordinarie che per le Zone Vulnerabili ai Nitrati, fino al 15 aprile, è previsto il blocco spandimento liquami e assimilati. Tuttavia, sono comunque sempre consentiti gli spandimenti mediante iniezione diretta (interratori) o con interramento contestuale (aratura).

Di seguito alcune tabelle di riepilogo dei principali impegni
Per qualsiasi dubbio o richiesta di maggiori delucidazioni rivolgersi all’ufficio di zona di competenza.

I PERIODI DI DIVIETO IN ZONA VULNERABILE NITRATI

TIPOLOGIA DI

MATERIALE

PERIODO DI DIVIETO

DI SPANDIMENTO

Liquami e assimilati su terreno privo di residui colturali, prati, … 1° nov – 28 feb
* Liquami e assimilati su terreni con residui colturali, prati, coltivazioni in atto, cover crops, intercalari, … 1° dic  – 31 gen + 28 gg nov e feb con agrometeo
* Letami e assimilati 1° dic  – 31 gen + 28 gg nov e feb con agrometeo
Letami bovino ovicap. equidi con sostanza secca >= 20% su prati 15 dic – 15 gen
Pollina essiccata o disidratata 1° nov – 28 feb
* Concimi azotati, di cui al D. Lgs. n. 75/2010 1° dic  – 31 gen + 28 gg nov e feb con agrometeo
Ammendanti organici, di cui al D. Lgs. n. 75/2010 con N totale <2,5% 15 dic – 15 gen


PERIODI DI DIVIETO IN ZONA ORDINARIA

TIPOLOGIA DI

MATERIALE

PERIODO DI DIVIETO

DI SPANDIMENTO

Liquami e assimilati 1° dic – 31 gen
Letami e assimilati Nessun divieto
Pollina essiccata o disidratata 1° dic – 31 gen
Concimi azotati, di cui al D. Lgs. n. 75/2010 1° dic – 31 gen
Ammendanti organici, di cui al D. Lgs. n. 75/2010 con N totale <2,5% 15 dic – 15 gen


OBBLIGHI AMMINISTRATIVI

OBBLIGO REGISTRO DELLE CONCIMAZIONI
ZVN ZO
Azienda con SAU >= 14,8 ettari X X*
Aziende con PUA X X
Azienda che utilizza digestati (biogas) X X
Azienda che utilizza fertilizzanti da fanghi, … X X

* Non rientrano nel calcolo le superfici a prato e a pascolo nelle ZO svantaggiate di montagna

  

 

COMUNICAZIONE PUA
Quantità di azoto

(prodotta e/o utilizzata)

ZO ZVN ZO ZVN
N < 1000 kg/anno esonero esonero esonero esonero
1.000 > N < 3.000 kg/anno esonero X esonero esonero
3.000 > N X X esonero X
Aziende soggette a IPPC; bovini > 500 UBA X X X X
Fertilizzanti derivati da fanghi, rifiuti … X X X X
Acque reflue X X
Aziende vitivinicole < 1000 mc Dichiarazione non rilevanza

 

(Coldiretti Veneto)

Please follow and like us