L’assessore Mar all’inaugurazione della mostra “Cento anni di Ernani”, l’omaggio al pittore veneziano a Palazzetto Tito fino al 27 febbraio

Trentasette opere per celebrare i cento anni dalla nascita del pittore veneziano Ernani Costantini. È l’omaggio della Fondazione Bevilacqua La Masa che a Palazzetto Tito, dal 15 gennaio al 27 febbraio, ospita una mostra dedicata all’artista.

Questa mattina l’inaugurazione dell’esposizione, inserita nel programma ufficiale delle celebrazioni dei 1600 anni di Venezia, alla presenza dell’assessore al Patrimonio Paola Mar. A introdurre l’appuntamento il consigliere della Fondazione Roberto Zamberlan, presenti la curatrice della mostra Francesca Brandes e il figlio del pittore, Cristiano Costantini. Con loro anche Stefano Cecchetto autore del catalogo che raccoglie testi storico-critici e testimonianze dei rapporti di Ernani con alcuni esponenti della cultura e dell’arte frequentati nel corso della sua attività.

“Questa mostra è l’omaggio a un grande artista che ha saputo raccontare con le sue opere il fermento culturale della città nel ‘900 – ha spiegato l’assessore Mar ringraziando la Fondazione Bevilaqua la Masa e quanti hanno lavorato per l’allestimento – Di fronte a un’occasione storica come quella dei 1600 anni della nascita di Venezia questa mostra rappresenta non solo un momento di celebrazione, ma un altro punto di partenza per guardare alle sfide che attendono la città. L’esposizione deve essere occasione di sollecitazione e di stimolo per chi deve costruire il nostro futuro, soprattutto i giovani che vivono la nostra città. Un modo per confrontarsi e sviluppare le idee, ma anche una nuova visione di quello che Venezia può essere partendo dal suo passato. Guardare al futuro sapendo da dove si è partiti è l’approccio corretto: è il passaggio fondamentale per affrontare le nuove sfide che attendono la città, soprattutto quelle che arriveranno dopo la pandemia. Sono sicura che anche grazie all’arte e alle opere di grandi artisti, come lo è stato Ernani, la città si farà trovare pronta davanti agli interrogativi che il momento attuale ci presenta”.

Nelle sale di Palazzetto Tito, è stato spiegato nel corso della cerimonia di inaugurazione, si presenta una sintesi dell’intero percorso artistico di Ernani, dalle opere esposte nella prime mostre, a partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta, sino all’ultima sua grande tela dipinta nel 2005. Un percorso quello di Ernani, maturato nel flusso culturale novecentesco di cui fu profondo conoscitore. L’impegno dell’iniziativa espositiva è quello di ridare visibilità ad alcune delle opere di Ernani Costantini, provenienti da collezioni private e pubbliche, da decenni non più esposte ai visitatori. Un’occasione, è stato aggiunto, per i più giovani artisti e cultori d’arte di conoscere una significativa produzione del pittore veneziano, sollecitandone nuovi confronti con l’arte pittorica moderna e contemporanea.

La mostra, l’ingresso è gratuito, sarà aperta al pubblico da sabato 15 gennaio a domenica 27 febbraio, da martedì a domenica dalle ore 10.30 alle 17.30. Per accedere agli spazi è d’obbligo l’uso della mascherina Ffp2 e il green pass rafforzato. L’accesso agli spazi sarà contingentato in base al numero massimo di persone consentito.

Per informazioni: www.bevilacqualamasa.itinfo@bevilacqualamasa.it – Telefono: 041 5208879

(Comune di Venezia)

Please follow and like us